sito web

Per essere sempre aggiornato sulle nuove attività, iscriviti alla nostra Newsletter.

Newsletter

Pubblicità

Linee guida per chiedere un consulto.pdf
Documento Adobe Acrobat [30.7 KB]
Download
Linee guida web 2.0.pdf
Documento Adobe Acrobat [36.2 KB]
Download
Top 10 Netiquette.pdf
Documento Adobe Acrobat [50.0 KB]
Download

Sito Creato Marzo 2009

Ultimo Aggiornamento

09 Febbrario 2014

Morbo di Osgood-Schlatter

 

 

Antonio Siepi

Dottore in Fisioterapia

 


La malattia di Osgood-Schlatter, o apofisite tibiale anteriore, è la causa più comune di dolore a carico della tuberosità tibiale anteriore nello sportivo giovane.

Eziopatogenesi:

Questa patologia, di origine microtraumatica, è dovuta ad una infiammazione del tendine rotuleo in sede di inserzione sul nucleo apofisario della tuberosità tibiale anteriore ed è legata probabilmente alla trazione del tendine rotuleo sul periostio, che provoca una necrosi diffusa sul nucleo apofisario. Si manifesta tra i 10 e i 15 anni, durante la fase di crescita, nei ragazzi che praticano sport, soprattutto se questi sono caratterizzati da salti o balzi ( come la ginnastica artistica, l’atletica, il calcio, basket e la danza); è più frequente nei maschi e nel 25% dei casi si ha una localizzazione bilaterale.

Clinica e diagnosi:

Il dolore è specifico ed è presente effettivamente sulla tuberosità tibiale anteriore durante l’attività sportiva, ma anche salire o scendere le scale o durante l’accovacciamento. Nei casi più gravi si manifesta anche a riposo e si aggrava in seguito alla contrazione del muscolo quadricipite femorale. Alla palpazione si possono si possono riscontrare anche tumefazione e dolore localizzato.   Segni negativi importanti sono rappresentati da un ginocchio fresco è asciutto, dalla rotula non dolente e dal decorso nella norma del tendine del quadricipite femorale e di quello rotuleo.

Fig.1
Fig.1

Radiograficamente si rileva una frammentazione del nucleo apofisario con segni a colpo di unghia (Fig. 1).  L’evoluzione spontanea della malattia è verso una guarigione in tempi lunghi, fino alla fusione completa della tuberosità tibiale sulla diafisi.

Trattamento:

Nella fase acuta della malattia l’atleta deve interrompere l’attività sportiva e seguire una terapia antinfiammatoria sia a livello generale sia a livello locale. La terapia fisica si avvale della Magnetoterapia e applicazioni di Tecarterapia in modalità Resistiva sulla zona coinvolta. Le infiltrazioni locali di cortisone non sono giustificate e possono essere dannose per la possibilità di depolimerizzazione della cartilagine e di  eventuale atrofia cutanea. Il trattamento chirurgico e discutibile ed eccezionale. Sequele della malattia possono essere rappresentata da un’ipertrofia della tuberosità tibiale anteriore, che può arrecare fastidio in alcune attività sportive tipo lotta o judo, e soprattutto dalla possibilità di ossificazione intratendinea, che in età adulta può giustificare un’exeresi chirurgica.

Fig.2
Fig.2

Ripresa dell’attività sportiva:

Nella fase di ripresa dell’attività sportiva, da uno a  tre mesi dopo l’insorgenza del dolore, si devono escludere dagli allenamenti esercizi specifici consistenti in salti o balzi, fino alla regressione completa dei sintomi. Durante gli allenamenti su può utilizzare un taping o un tutore di scarico rotuleo. (Fig.2)

 

 

Bibliografia

American Academy  of Orthopaedic Surgeons. Athletic Training & Sports Medicine. Chigago 1991

Andrews JR, Axe MJ. The Classification of knee instalility. Orthop Clin North Am 1985;

Bernassi J. Traumatologia dello Sport. Milano Masson 1979

Braddom RL Physical Medicine and Rehabilitation. Phipaldelphia: WB Saunders Company, 1996

Carty H. Children’s sport injuries. Eur Radiol Jan 1998

Frignani R. Traumatologia dello Sport. Padova: Piccin 1990

Kulund DN. The injuried athlete. Philadelphia: Lippincott, 1982

Meadows JTS Orthopedic differential diagnosis in physical therapy, New York: McGraw-Hill, 1999

 

Data creazione pagina 14 Novembre 2010