sito web

Per essere sempre aggiornato sulle nuove attività, iscriviti alla nostra Newsletter.

Newsletter

Pubblicità

Linee guida per chiedere un consulto.pdf
Documento Adobe Acrobat [30.7 KB]
Download
Linee guida web 2.0.pdf
Documento Adobe Acrobat [36.2 KB]
Download
Top 10 Netiquette.pdf
Documento Adobe Acrobat [50.0 KB]
Download

Sito Creato Marzo 2009

Ultimo Aggiornamento

09 Febbrario 2014

Esercizi domiciliari dopo un intervento di riparazione della cuffia dei rotatori

Per visualizzare correttamente gli esercizi, si consiglia l'opzione " A schermo intero" che trovate in basso a destra del video.

Versione stampabile
Esercizi Domiciliari.pdf
Documento Adobe Acrobat [4.4 MB]
Download

Esercizi Attivi di Riabilitazione per la Spalla

Gli esercizi proposti vanno effettuati dopo 3 mesi dall'intervento, a condizione che ci sia la completa assenza di dolore e che la spalla abbia recuperato una buona mobilità articolare.

Data creazione pagina 20 Aprile 2009

Ultimo aggiornamento 02 Febbraio 2012

Commenti: 168 (Discussione conclusa)

  • #1

    amicizia (giovedì, 28 maggio 2009 09:24)

    vorrei visitare qualche filmato

  • #2

    Fiorenzo F. (giovedì, 24 settembre 2009 11:21)

    Buongiorno,
    sono stato operato alla spalla per una ricostruzione del tendine sovraspinato un paio di settimane fa.
    fra una settimana dovrei iniziare a fare della FKT passiva (per un certo periodo) e poi attiva.
    Volevo sapere se gli esercizii di questo filmato sono passivi o attivi o come devo fare per differenziarli Grazie molte

  • JimdoPro
    #3

    Antonio Siepi (giovedì, 24 settembre 2009 11:23)

    Gent.mo Sig. Fiorenzo, gli esercizi che ha visto nel filmato sono solo attivi, e si tratta di esercizi di tonificazione generale dei muscoli della spalla. Per esercizi passivi, si intende, quando è il fisioterapista che “passivamente” Le mobilizza la spalla producendo vari movimenti dell’articolazione per evitare la formazione di aderenze. Nel suo caso dovrà fare della mobilizzazione passiva per almeno 4 settimane, o fino alla rimozione del tutore, e successivamente iniziare un lavoro di rieducazione attiva in maniera graduale. Per arrivare alla completa mobilità della spalla e per eseguire gli esercizi che ha visto, occorreranno dai 3 ai 5 mesi di riabilitazione.
    Sperando di essere stato utile, Le porgo i miei migliori auguri.

  • #4

    claudio (domenica, 29 novembre 2009 20:08)

    Salve
    Soffro della sindrome di conflitto della spalla e volevo chiedervi se questi esercizi posso svolgerli a casa

  • JimdoPro
    #5

    Antonio Siepi (mercoledì, 02 dicembre 2009 12:57)

    Gent.mo Sig. Claudio
    questi esercizi, nella fase acuta, non sono indicati per una sindrome del conflitto. Esistono altri tipi di esercizi da svolgere a domicilio, che Le potranno essere indicati dal suo fisioterapista.
    Saluti.

  • #6

    erik (mercoledì, 13 gennaio 2010 15:41)

    salve
    circa 25 giorni fa in seguito a una caduta ho subito una sub lussazione acromeon claveare..ho tenuto il tutore x poco più di 3 settimane come consigliatomi.questi esercizi vanno bene x il mio recupero?volevo poi chiederle se questa lieve gobba che mi rimane sulla spalla sia normale?grazie mille

  • JimdoPro
    #7

    Antonio Siepi (martedì, 19 gennaio 2010 00:31)

    Gent.mo Erik, questi esercizi non sono indicati in una prima fase riabilitativa ma solo successivamente, quando l'iter riabilitativo sarà terminato, e avrà bisogno solamente di fare un potenziamento generale dei muscoli della spalla.
    Io consiglio sempre, nelle prime fasi successive ad un intervento post-chirurgico o post-traumatico di essere seguiti da un fisoterapista per essere sicuri di svolgere un corretto programma riabilitativo, necessario per ottenere un recupero funzionale completo.
    Saluti.

  • #8

    ERIC (giovedì, 04 febbraio 2010 14:29)

    SONO STATO OPERATO L'11 GENNAIO CON LA DIAGNOSI DI AMPIA LESIONE DEL SOVRAAPINATO IN ASSENZA DEL CLB SPALLA SINISTRA.INTERVENTO:DEBRIDEMENT ARTICOLARE ED EXTRA ARTICOLARE SUTURA DELLA CUFFIA CON 2 HEALIX ED ACROMIOPLASTICA IN ARTROSCOPIA.DATO CHE I TEMPI IN OSPEDALE SONO LUNGHISSIMI POSSO FARE GLI ESERCIZI CHE PROPONETE A CASA?GRAZIE MILLE

  • #9

    filadelfo narzisi e-mail:filadelfo.narzisi@uniroma1.it (martedì, 23 marzo 2010 14:05)

    Salve,ho qualche domanda da farle:
    l'11 maggio del 2007 nel fare un esercizio di trazione alla sbarra orizzontale mi sono procurato
    uno strappo di 20mm al tendine del sovraspinato dx con lesione della sacca seriosa e parziale versamento del liquido,contattato un ortopedico dopo una visita mi ha detto che un interveno di ricostruzione del tendine non era necessario meglio seguire una buona fisioterapia, a distanza di oltre due anni e notato che la spalla a ripreso una buona funzionalita e il dolore praticamente assente ho inziato a fare del nuoto
    e onestamente in acqua nei movimenti dello stile libero qualche fastidio alla spalla ed al braccio
    lo avverto nello stile dorso molto meno,quello che vorrei chiedervi con la spalla in queste condizioni e con la pratica di questo sport posso andare incontro a qualche complicazione? posso eseguire i vostri esercizi? si puo ricostruire o riparare il tendine lesionato? dimenticavo di dirle che ho 61anni.
    la ringrazio della cortesia e distintamente la saluto.
    filadelfo narzisi

  • JimdoPro
    #10

    Antonio Siepi (martedì, 23 marzo 2010 16:45)

    Gent.mo Sig.Filadelfo, dopo due anni la lesione del tendine del sovraspinoso si è completamente cicatrizzata. Il dolore che accusa alla spalla, durante il nuoto può essere riconducibile ad uno squilibrio muscolare, in particolare ai muscoli della cuffia dei rotatori. Gli esercizi proposti in questo video potrebbero aiutarla. Li esegui per 3 volte alla settimana, per almeno un mese. Se continua ad avere dolore durante il nuoto, la consiglierei una visita specialistica Ortopedica con esami più approfonditi ( Ecografia del Tendine Sovraspinoso).
    Auguri.

  • #11

    filadelfo (martedì, 23 marzo 2010 18:05)

    grazie della cortesia che mi ha concesso e dei consigli che mi ha suggerito .
    filadelfo narzisi

  • #12

    loredana (lunedì, 19 aprile 2010 16:18)

    Gent.mo signor Siepi, giorno 27 aprile subirò un intervento in artroscopia per lesione tendine sovraspinoso. In base alla sua esperienza, pensa che il 10 luglio potrò andare in vacanza al mare o è meglio rinunciare? Inoltre, che tempi si prevedono di solito per la riabilitazione? Grazie

  • JimdoPro
    #13

    Antonio Siepi (mercoledì, 21 aprile 2010 11:39)

    Gent.ma Loredana, un programma riabilitativo per una ricostruzione della cuffia, prevedono tempi di recupero che vanno dai 3 ai 5 mesi di fisioterapia, a secondo anche delle indicazioni date dal chirurgo. Comunque, dopo due mesi, se non ci sono complicazioni, potrà andare al mare tranquillamente, e godersi le sue vacanze.
    Auguri!

  • #14

    Loredana (mercoledì, 21 aprile 2010 20:40)

    Gent.mo signor Siepi, la ringrazio per la cortese e sollecita risposta. Approfittando ancora della sua gentilezza, colgo l'occasione per porle un'altra domanda:il rientro al lavoro( sono un'insegnante)quando potrà avvenire? Il chirurgo mi accennava dopo tre mesi dall'intervento. Le risulta? Ancora infinite grazie per il tempo che vorrà dedicarmi.

  • #15

    Gile72 (venerdì, 23 aprile 2010 10:22)

    Salve,
    Ho 38 anni. Da 2 anni ho un'infiamazione dei tendini del bicipite e sottoscapolare dovuta penso alle microtraumi avuti nella pratica di judo. Prima si è verificato nella parte sinistra e poi è passato alla parte destra. Faccio qualche esercizio di yoga e anche degli esercizi con ellastico ma non mi aiutano più di tanto. Il dolore non è grande ma è fastidioso e la mia spalla ha la movimentazione limitata. Questi esercizi vanno bene per la tendinite?

  • #16

    luciana dippolito (sabato, 24 aprile 2010 12:27)

    gentile dottore,sono stata operata il 25-3 ed ho avuto una borsectomia e un punto side to side al sovraspinato-dopo circa 10 gg ho iniziato la ginnastica passiva e il fisioterapista mi ha detto che andava tutto bene perche' l'articolazione ce l'avevo tutta l'unico problema e'che i dolori sono fortissimi specie la notte infatti non dormo da un mese-ilmedico mi ha dato 1/2 compressa di cortisone alla sera ma nonostante cio' i dolori sono atroci e nonostante il braccio riesca piu' o meno a muoverlo e vedo i progressi , non vedo lo stesso per i dolori e non riesco a stendere il braccio in posizione supina-mi puo' dire se questo e' normale oppure c'e qualcosa che non va?sono molto preoccupata

  • JimdoPro
    #17

    Antonio Siepi (lunedì, 26 aprile 2010 17:06)

    @loredana:
    Concordo con i tempi di recupero che Le ha indicato l'ortopedico.
    Saluti

  • JimdoPro
    #18

    Antonio Siepi (lunedì, 26 aprile 2010 17:10)

    @gile72:
    Gli esercizi di stretching proposti questo video, potrebbero aiutarla a recuperare i movimenti limitati. Però, se è presente una tendinite, io Le consiglio di curarla prima, e poi eseguire esercizi di tonificazione e stretching delle spalle, altrimenti rischia di peggiorare l'infiammazione.
    Auguri.

  • JimdoPro
    #19

    Antonio Siepi (lunedì, 26 aprile 2010 17:14)

    @luciana dippolito:
    Se l'intervento è andato bene, e non ci sono complicazioni, i dolori potrebbero provenire da uno spasmo dei muscoli della cuffia. Provi a parlarne col suo fisioterapista e trattare i punti trigger dei muscoli extrarotatori della cuffia e mi faccia sapere...
    Saluti.

  • #20

    Paolo Corvi (martedì, 27 aprile 2010 17:52)

    Caro Dottore, il 14 gennaio sono stato operato per una "rottura totale tendine sovvraspinato a destra con decompressione subacromiale e riparazione cuffia dei rotatori per via artroscopica", così recita la mia cartella clinica,nonostante gli esercizi che svolgo tre volte al giorno faccio ancora tanta fatica nei movimenti, il mio fisioterapista dice che purtroppo può succedere che i tempi si allunghino a seconda dei soggetti.Io ho piena fiducia in lui ma sono lo stesso preoccupato per la mia rigidità, mi può aiutare?

  • JimdoPro
    #21

    Antonio Siepi (martedì, 27 aprile 2010 19:17)

    @Paolo Corvi:
    In effetti dopo 3 mesi dall'intervento, avere ancora difficoltà nell'eseguire i movimenti, non è nella norma di un protocollo post-chirurgico.
    Purtroppo non sono a conoscenza del tipo di programma riabilitativo che sta seguendo, ma quello che Le posso consigliare è di svolgere un programma di 3-4 sedute alla settimana, della durata di un'ora, che privilegi esercizi di tonificazione dei fissatori della scapola e dei muscoli della cuffia dei rotatori, lavorando sulla catene cinetiche anteriori. Ma per i dettagli ne parli pure col suo fisioterapista.
    Saluti.

  • #22

    Paolo Corvi (mercoledì, 28 aprile 2010 17:50)

    La ringrazio dottore per la tempestività metterò in pratica il suo consiglio , speriamo bene di nuovo grazie.

  • #23

    luciana dippolito (sabato, 01 maggio 2010 06:29)

    gentile dottore, intanto la ringrazio per la sua risposta tempestiva,ho parlato con il fisioterapista e mi ha detto che i punti trigger sono stati trattati,infatti io quando ho iniziato a fare la ginnastica passiva facevo tens ultrasuoni e anche un altro tipo di appicazione di cui non ricordo il nome che era proprio per il dolore ma senza alcun risultato .ora,dato che io come movimenti sto abbastanza bene, ho iniziato qualche esercizio di ginnastica attiva e da lunedi'il fisioterafista mi ha detto che devo iniziare la palestra perche' per lui con me ha finito-il punto e' questo va tutto molto bene tranne la notte che dormo giusto 2 o 3 ore e poi i dolori sono forti-a me sembrano che siano dolori muscolari che mi prendono da sotto la cuffia fino al gomito-mi preoccupa il fatto che questi dolori non migliorino per niente e mi sembra che la notte quando devo muovere il braccio abbia una sensazione di pesantezza-potrebbe essere una questione di muscoli che hanno perso tono e che quindi mi facciano cosi' male?spero di essere riuscita a spiegarmi e attendo da lei dottore una risposta perche' sono molto preoccupata-grazie

  • #24

    luciana dippolito (sabato, 01 maggio 2010 18:17)

    mi scusi ma ho dimenticato di scriverle che quando sono in posizione supina e metto il braccio steso lungo il fianco non riesco a tenere quella posizione e sento come se qualcosa all'interno mi tirasse

  • JimdoPro
    #25

    Antonio Siepi (lunedì, 03 maggio 2010 15:07)

    @luciana dippolito:
    Purtroppo i dolori notturni possono avere molteplici cause, e fare una diagnosi funzionale senza clinica è praticamente impossibile. Se tutti gli accorgimenti del caso, sono stati presi dal fisioterapista, a questo punto ne parlerei col chirurgo che l'ha operata, per capire le cause dei suoi fastidi. A volte potrebbe essere anche una semplice infiammazione dei tessuti molli...
    Auguri!

  • #26

    giorgio mezza (mercoledì, 05 maggio 2010 05:13)

    ..ma come si trattano le infiammazioni ai tessuti molli grazieeee dott.

  • #27

    alessandro df (giovedì, 06 maggio 2010 16:42)

    egregio dottore,ho 50 anni e circa 25 gg fa, a seguito di un movimento brusco fatto in ambito sportivo, mi sono provocato uno "strappo"alla spalla. dopo aver fatto esami del caso,il referto per RX:ridotto spazio articolare sub acromiale in atteggiamento conflittuale.non lesioni da altra natura.
    ECG:discreta impronta sul margine superiore della cuffia da impeigment non recente con dismogeneità strutturali del sovraspinato in tale sede referibile a lesione quantomeno parcellari dello stesso. non versamenti o sovradistensione di borse seriose.continuo ed integro il tendine caplolungo bicipitale.
    l'ortopedico scrive inoltre: NON segni clinici certi di lesione completa.dolenzie ai movimenti in aboluzione/rotazione. la settimana scorsa mi ha prescritto:3 sedute onda d'urto e 10 di laserterapia + FKT specifica.
    volevo gentilente sapere il suo parere in merito e sopratutto,visto che ho gia fatto le sedute dal fisioteapista con esercizi passivi, mi consiglierebbe a questo punto delle sedute in centro riabilitativo sportivo per esercizi attivi ?
    la ringrazio per i preziosi consigli.

  • JimdoPro
    #28

    Antonio Siepi (giovedì, 06 maggio 2010 20:16)

    @giorgio mezza:
    Le infiammazioni dei tessuti molli, possono essere trattate con delle tecniche di terapia manuale (Cyriax,Maitland,ecc) oppure con la terapia fisica, quale laserterapia o tecarterapia.
    Dipende dalla diagnosi funzionale e dalla clinica.
    Saluti

  • JimdoPro
    #29

    Antonio Siepi (giovedì, 06 maggio 2010 20:23)

    @alessandro df:
    Al momento attuale, qual'è la sua sintomatologia?
    Ha dolori alla spalla? E riesce a fare tutti i movimenti?

  • #30

    alessandro df (giovedì, 06 maggio 2010 22:40)

    dopo le sedute dal fisioterapista e dopo la prima applicazione di onda d'urto(fatta ieri)riesco senza nessun problema a fare tutti i movimenti verso il davanti,ma ho provo ancora una leggera fitta alla spalla se faccio movimenti laterali e alto/dietro.(penso siano quelli che l'ortopedico chiama "movimenti in aboluzione/rotazione").

  • JimdoPro
    #31

    Antonio Siepi (giovedì, 06 maggio 2010 22:55)

    @alessandro df:
    Bene, contnui pure le sue sedute di onda d'urto. Poi potrà iniziare un programma attivo di rieducazione per sindrome del conflitto (impingement)senza superare la soglia del dolore, e nel giro di qualche mese avrà recuperato la completa funzionalità della spalla.
    Auguri.

  • #32

    alessandro df (venerdì, 07 maggio 2010 14:28)

    approfitto ancora della sua cortesia per dissipare gli ultimi dubbi:
    gli esercizi nel video, possono servirmi per potenziare e tonificare la spalla ?
    posso iniziarli subito,scomparso il dolore ,o devo aspettare un po' di piu'?
    quando lei dice che :"nel giro di qualche mese avrà recuperato la completa funzionalità", intende dire che potro' tornare a giocare a tennis(facendo costantemente gli esercizi del video oltre a esercizi di stretching) o dovro' rinunciare a questo sport?.
    ringraziandola ancora per la professionalità e cortesia.
    cordiali saluti

  • JimdoPro
    #33

    Antonio Siepi (sabato, 08 maggio 2010 20:07)

    @alessandro df:
    Gli esercizi proposti in questo video devono essere eseguiti in assenza di dolore. Sono esercizi di tonificazione dei muscoli della spalla, e non sono terapeutici, quindi se sente ancora qualche fastidio, dovrà aspettare per farli.
    Nel momento in cui non avverte più nessuna sintomatologia, potrà tranquillamente ritornare a giocare a tennis.
    Saluti.

  • #34

    loredana (domenica, 09 maggio 2010 19:03)

    Gent.mo signor Siepi,torno a scriverle perchè mi si è presentato un nuovo problema, piuttosto inaspettato.Durante l'intervento artroscopico per lesione del sovraspinoso, il chirurgo ha asportato le microcalcificazioni, ma non ha potuto riparare il tendine a causa di una capsulite adesiva riscontrata. Ora sono in fisioterapia(tecar e kinesi passiva per 20 giorni, poi non so quale sarà il programma)per la riabilitazione post-intervento e per tentare la risoluzione della capsulite, che poi era la patologia che più mi faceva soffrire e mi immobilizzava già prima dell'artroscopia.Ho intuito che molto probabilmente il chirurgo vorrà sottopormi ad un altro intervento, immagino di release della capsula. Le chiedo: posso sperare che ciò non sia necessario e che io possa risolvere con la fisio? Quali sono le tecniche di kinesi e quelle strumentali più indicate? Quali i tempi? Il tendine va comunque riparato? Preciso che ho 47 anni e vorrei recuperare totalmente per riprendere una normale vita lavorativa fuori e dentro casa. Mille grazie.

  • JimdoPro
    #35

    Antonio Siepi (lunedì, 10 maggio 2010 17:30)

    @loredana:
    L'intervento di release della capsula, è l'ultimo step in presenza di una capsulite adesiva. Si prova dapprima un trattamento conservativo, con la mobilizzazione passiva, tecar ( cosa che sta facendo), per passare ad una eventuale infiltrazione di cortisone, e se infine non si ottiene il risultato sperato si interviene chirurgicamente. Per la lesione del tendine, dovrà essere il chirutgo a valutare se è il caso di intervenire oppure no, dipende dal tipo di lesione e della sua gravità. Per cui si affidi tranquillamente al suo specialista, e si armi di una buona dose di pazienza, perchè il decorso post-chirurgico riabilitativo può andare dai 3 ai 6 mesi per recuperare completamente la funzionalità della spalla.
    Auguri.

  • #36

    loredana (sabato, 15 maggio 2010 19:06)

    Grazie mille! Mi munirò di pazienza ed impegno ed aspetterò i risultati sperati.

  • #37

    serena (lunedì, 17 maggio 2010 16:20)

    il 6 maggio ho subito una artoscopia per eliminare numerose calcificazioni ("pappa attorno al tendine" così le ha chiamate il dottore che mi ha operata )e in seguito mi hanno riferito di aver lisciato l'osso di 2mm perchè presentava delle protuberanze... comunque, la settimana dopo l'intervento( niente tutore nè medicinali nè fkt, così mi disse il primario) tutto bene dolori pochi e buona mobilita'. Ad oggi, alla 2^ settimana la spalla e il braccio fanno malissimo e non riesco più a muoverla... dovevo aspettarmelo? non avendo tutore potrei aver fatto movimenti sbagliati?? per favore mi dia un parere..io ho seguito alla lettera quanto mi hanno detto alla dimissione (dopo 24H)ma ora sono preoccupata..

  • JimdoPro
    #38

    Antonio Siepi (lunedì, 17 maggio 2010 21:17)

    @serena:
    Gentile Serena,l'eventualità che la spalla si sia infiammata a causa di un movimento sbagliato (fatto anche durante il sonno) è probabile, per cui la consiglierei di fare subito del ghiaccio, con 3 applicazioni di 10-15 minuti,intervallandolo ogni mezz'ora.
    Inoltre, potrebbe provare a fare delle sedute di Tecarterapia per alleviare l'algia alla spalla.
    Comunque le consiglio di parlarne col chirurgo che l'ha operata per tranquillizzarsi.
    Saluti.

  • #39

    luca (domenica, 13 giugno 2010 21:55)

    Gent.mo signor Siepi in data 15 marzo sono stato operato in artoscopia alla spalla dx a causa di un artrite acromion claveare la mia spalla è stata trattata per via artoscopica secondo "munford", quali sono secondo la sua esperienza i tempi di recupero?A tutt'oggi pur migliorando di giorno in giorno non riesco ancora a riprendere l'attività sportiva è normale a quasi 3 mesi dall'intevento?Saluti.

  • #40

    tommaso (giovedì, 17 giugno 2010 00:55)

    gent.mo dott. siepi il 14 marzo sono stato operato alla spalla sx per una lussazione acromion claveare. con l'intervento mi è stata ridotta la lussazione e stabilizzato l'arto con cerchiaggio. da 40 giorni sto seguendo il piano riabilitativo presso un centro. il tono muscolare ancora non è al top, quindi volevo chiederle se posso effettuare questi esercizi ancora nn essendo al meglio ( anche sentendo fitte al muscolo) o aspettare il pieno ripristino del tono muscolare ???

  • #41

    carla roncaccia (giovedì, 17 giugno 2010 11:06)

    sono stata operata alla spalla stando sdraiata posso stare senza tutore facendo ovviamente attenzione di non muovere il braccio

  • JimdoPro
    #42

    Antonio Siepi (venerdì, 18 giugno 2010 14:57)

    @luca:
    Forse intendeva artrosi acromion-claveare?

  • JimdoPro
    #43

    Antonio Siepi (venerdì, 18 giugno 2010 14:59)

    @tommaso:
    Le consiglio di terminare il ciclo riabilitativo e attendere la scomparsa dei dolori , prima di eseguire questi esercizi di tonificazione.
    Saluti

  • JimdoPro
    #44

    Antonio Siepi (venerdì, 18 giugno 2010 14:59)

    @carla roncaccia:
    Di cosa è stata operata?

  • #45

    luca (venerdì, 18 giugno 2010 17:52)

    Esattamente!

  • JimdoPro
    #46

    Antonio Siepi (martedì, 22 giugno 2010 20:44)

    @luca:
    L'intervento chirurgico in artroscopia, per un'atrosi acromion-claverare, secondo la tecnica Mumford, rappresenta al momento il "golden standard" grazie all'ottenimento di risultati più che soddisfacenti.
    In condizioni cliniche normali, il miglioramento può essere graduale e lento. Ma se vuole ritornare all'attività sportiva, deve svolgere un programma riabilitativo adatto alla sua condizione e al tipo di sport che pratica.
    Si rivolga pure ad un centro di fisioterapia, nella sua città, che sicuramente potranno aiutarla a recuperare velocemente.
    Auguri

  • #47

    LUCA (giovedì, 24 giugno 2010 18:15)

    Grazie mille per la gentile consulenza.

  • #48

    Francesco (martedì, 29 giugno 2010 11:43)

    Salve, ho avuto una lussazione anteriore alla spalla sx. Oggi, dopo 25 giorni mi hanno tolto il bendaggio. Che tipo di riabilitazione mi consiglia, Dottore?
    La ringrazio, buongiorno.

  • #49

    Daniele (mercoledì, 30 giugno 2010 14:43)

    gent.mo dott. Siepi il 07 giugno sono stato vittima di un incidente stradale con la mia moto, dove sono stato investito, lesioni riportate da raggi e tac frattura clavicola in un punto e scapola in tre punti spalla dx ma tutte fratture non esposte. Mi hanno applicato un tutore e riposo per trenta giorni senza operare, la mia domanda era quanto tempo dovro attendere per recuperare integralmente la spalla ed i movimenti dell'intera articolazione e quali cure riabilitative dovro sottopormi per un recupero repentino. Grazie fin d'ora dei suoi chiarimenti. Distinti Saluti Daniele B.

  • JimdoPro
    #50

    Antonio Siepi (giovedì, 01 luglio 2010 13:03)

    @francesco:
    La riabilitazione consigliata dopo una lussazione anteriore della spalla deve tenere conto del grado di instabilità della spalla stessa.
    Ci sono diversi passaggi, prima di arrivare al recupero completo.
    Una prima fase deve ristabilire un range di movimento non doloroso, ritardare l'atrofia muscolare ed eventualmente ridurre l'infiammazione ed il dolore.
    Quando il movimento sarà completo e la dolorabilità minima, si può passare ad un rinforzo graduale muscolare, migliorandom anche il controllo neuromuscolare del complesso della spalla.
    Infine avremmo una terza fase dove il movimento sarà completo, con assenza di dolore e con un progressivo rinforzo muscolare contro resistenza.
    Naturalmente il programma riabilitativo può avere diversi tempi a seconda della gravità della lesione,dello stato del ROM ( range of moviment)e della esigenza di richiesta di prestazioni e attività.
    Saluti

  • #51

    Francesco (giovedì, 01 luglio 2010 14:28)

    La ringrazio veramente per i consigli.
    Distinti saluti
    Francesco

  • #52

    antonella (martedì, 06 luglio 2010 22:10)

    ho subito un intervento in artroscopia alla cuffia dei rotatori al sovraspinoso 7 mesi fa la spalla come movimento va abbastanza bene ma ho ancora tanto dolore. E' normale?

  • #53

    Governini Alfio (lunedì, 12 luglio 2010 22:59)

    Ciao, ho subito il 3 febbraio scorso un intervento per rottura totale tendine sovraspinato e subtotale c.l. bicipite (decompressione subacromiale e riparzione cuffia dei rotatori, tenotomia bicipite per via artoscopica
    )secondo la vostra esperienza e professionalità è rischioso riprendere a fare alcune attività sportive, o anche
    solo palestra e piscina per fare tono muscolare di
    mantenimento?
    confidando in una risposta esaudiente saluto distintamente.

  • JimdoPro
    #54

    Antonio Siepi (mercoledì, 14 luglio 2010 20:32)

    @antonella:
    Non è nella norma avere ancora dolore alla spalla, dopo 7 mesi dall'intervento. Non conoscendo la sua clinica, Le consiglio di rivolgersi all'Ortopedico che l'ha operata per diagnosticare la fonte del suo dolore.
    Saluti

  • JimdoPro
    #55

    Antonio Siepi (mercoledì, 14 luglio 2010 20:38)

    @Goverini Alfio:
    Se ha recuperato completamente la mobilità della spalla, con assenza di dolore, 6 mesi è un tempo più che sufficiente per iniziare la ripresa di una attività sportiva, tipo piscina o palestra, in maniera graduale.
    Auguri

  • #56

    Thomas (mercoledì, 28 luglio 2010 13:07)

    gent.mo Dott.Siepi,due mesi fa ho avuto un trauma in montagna, con conseguente lussazione fontale di quest'ultima, rimasta fuori sede per un'ora e mezza circa, prima di riduzione al pronto soccorso.
    Un paio di giorni di immobilizzazione totale, poi causa dolore sono passato ad un tutore, per 10gg. circa.A 12gg. dal trauma, Rmn diagnostica ""assottigliamento sottospinoso,cercine riconoscibile livello margine superiore,legamenti gleno omerali medi e inferiori non riconoscibili per lesione.Ampia frattura margine anteriore delle glena.Versamentiintrarticolari e nelle borse peri scheletriche. "" Comincio a fare fisioterapia , prima passiva (12 sedute) poi un poco attiva(8 sedute) alla mattina. Pomeriggio in palestra continuo esercizi 35/40 sedute or sono. Ora ho una relativa forza nelle alzate frontali (2/3 Kg) e laterali (2Kg) ma restano gravi limitazioni motorie; 110/120° alzate frontali, e lateralmente il complesso spalla rimane ancorato nella sua apertura a tutta la scapola. rimango bloccato nelle extra-rotazioni, dove nonostante profusi sforzi non ci sono miglioramenti. pochi gg. fa, a seguito di valutazione specialistica mi hanno dato da fare 3 tipi di esercizi di forzatura passiva di movimento, dolorosissimi ( mano dietro schiena da alzare, extra rotazione forzata, mani dietro nuca-apertura gomiti e sollevamento) da continuare per 2 mesi.Il problema e' che sia il fisioterapista che il titolare della palestra dove vado si sono dimostrati contrari a seguire questi esercizi, a loro avviso troppo traumatici.Effettivamente(dolore a parte) nell'ultima seduta dal fisioterapista durante una forzatura di extrarotazione si e' spostato tutto il lettino con me sopra (90Kg)! Non riesco a sbloccare la spalla dalla scapola, ho come la sensazione che sia "incernierata" male.Ho anzi la paura soggettiva di rompere qualcosa, a forza di spingere durante gli esercizi.Non e' una questione di dolore, che cerco di sopportare.Sono un po' confuso; Vorrei chiederle un consiglio su come procedere; se seguire alla lettera quanto detto dal vs collega,fare una visita fisiatrica.. o quant'altro sia piu' opportuno fare. Mi scuso per la prolissita' di quanto esposto, le auguro una buona giornata.
    Thomas (35 anni, 1.92mt 90Kg stato altletico discreto)

  • JimdoPro
    #57

    Antonio Siepi (giovedì, 29 luglio 2010 08:23)

    @Thomas:
    Dalla sua descrizione dettagliata, mi viene il sospetto che si sia formata una capsulite adesiva, come conseguenza della frattura. La sintomatologia e la clinica corrisponde, ( vedi sezione "Articoli"), ma per esserne certi dovrebbe fare una visita da un ortopedico per confermare la diagnosi. In questo caso si faranno delle infiltrazioni di cortisone, per detendere le fibre capsulari. Comunque in qualsiasi caso, deve continuare a fare gli esercizi passivi per la spalla. Se ne ha la possibilità, faccia della idrokinesiterapia, ove lo svolgimento degli esercizi in acqua calda, favorisce l'allungamento delle fasce muscolari con riduzione del dolore.
    Mi tenga informato sul proseguo della riabilitazione.
    Saluti

  • #58

    Thomas (giovedì, 29 luglio 2010 17:20)

    Grazie x la tempestiva risposta; lascero'nuovi dettagli appena ne avro'.Saluti,Thomas

  • #59

    ida (sabato, 07 agosto 2010 11:53)

    salve dottore,in seguito a una caduta da una verticale adesso ho dolore alla spalla sinistra sopratutto nella zona del deltoide....se faccio movimenti di circonduzione in avanti sento che la spalla viene giù quasi a staccarsi e ho un forte dolore,...mi può aiutare dicendomi se è qualcosa di grave o è risolvibile grazie

  • #60

    Andrea (martedì, 10 agosto 2010 18:40)

    Dottore le ho mandato una mail con la descrizione del mio problema allegando le ecografie.
    Spero possa essermi d'aiuto sul problema con un consiglio.

  • #61

    Luca (martedì, 17 agosto 2010 11:47)

    Gmo Dottore, le sarei grato potessi avere un suo parere sulla cura prescritta in seguito a visita ortopedica (abb.za veloce-nessun test-nn ha guardato neanche l RX e la Eco!!) premetto:43 anni dolore alla spalla Sport tennis (stress accusato dal servizio)ma il dolore è arrivato solo dopo alcuni mesi di inattività (dormo con due cuscini sovrapposti) (eco: negativa- rx:inizio artrosi) movimenti ok ma limitati se forzati arriva dolore .------dolore magg al mattino- ma anche diurno -irradiazione sino gomito pulsazioni. Test di Yocum positivo crepitio al movimento- Bentalen 4ml x3g +3g 1,5 ml oki la sera e Limpidex. Da quel che ho capito se ho dolore è meglio evitare gli esercizi attivi. Spero possa avere qualche indicazione se eseguire la cura o rifare la visita da altro ortopedico più attento.La Ringrazio. Saluti Luca

  • #62

    Carlo (domenica, 29 agosto 2010 18:38)

    Buongiorno Dottore, il 26 febbraio ho subito un intervento al sovraspinoso e al sottospinoso.
    Ho fatto tutta la riabilitazione sia in piscina che fisioterapica fino a meta' giugno come consigliatomi dal dottore che mi ha operato.
    Poi da meta' giugno a meta' agosto ho fatto gli esercizi con l'elastico che mi erano stati consigliati, nonostante tutto faccio ancora fatica ad alzare il braccio in alto, sono tornato dal fisioterapista, lui e' fiducioso nel recupero io un po' meno.
    Vorrei un suo consiglio.
    Grazie.

  • JimdoPro
    #63

    Antonio Siepi (mercoledì, 01 settembre 2010 22:13)

    @luca:
    L'ortopedico Le ha prescritto del cortisone per l'infiammazione, ma purtroppo non risolve il problema. Il dolore che accusa durante il movimento del servizio nel tennis, potrebbe essere dovuto ad uno squilibrio del ritmo scapolo-omerale,con conseguente sindrome del conflitto. Ma le mie sono solo ipotesi, non conoscendo la clinica. Le consiglio di farsi visitare da un'altro specialista un pò più scrupoloso....
    Auguri!

  • JimdoPro
    #64

    Antonio Siepi (mercoledì, 01 settembre 2010 22:15)

    @carlo:
    Fa fatica ad alzare il braccio perchè ha dolore, o è mancanza di forza?

  • #65

    Carlo (domenica, 05 settembre 2010 00:11)

    Dottore, diciamo che mi manca la forza e di conseguenza ho anche un po' di dolorino.
    Grazie
    Carlo

  • #66

    giuseppe (venerdì, 10 settembre 2010 10:28)

    Sono stato operato in artroscopia al tendine della spalla destra a novembre 2009 ,è stata messa un ancoretta ml'intervento è stato banale e dopo due mesi tolto il tutore ho iniziato a recuperare abbastanza bene ,ora è circa un mese che sento pressapoco lo stesso dolore / fastidio ,possibile che ci sia ancora un problema al tendine ,non ho avuto nessun tipo di trauma ,potrebbe trattarsi di un fastidio derivante dal cambio di stagione ? certo se la cosa continua tornerò non felicemente dall'ortopedico ,mah sono un pò scocciato onestamente grazie .

  • #67

    Salvatore (giovedì, 16 settembre 2010 18:09)

    buona sera dottore, il 1° giugno sono caduto con la moto e ho lesionato per l'80% il tendine sovraspinato della spalla dx. L'ortopedico chirurgo mi ha detto di fare esercizi passivi e attivi per rinforzare i muscoli rotatori e poter sopperire alla lesione e di farmi rivedere con RM tra 6 mesi per vedere se si deve operare o no. Ad oggi faccio esercizi con l'elastico ed esercizi in piscina con fisioterapista. Quante probabilità ho di non sottopormi all'operazione? pensa che potrò tornare a portare la moto? la ringrazio. Saluti Salvatore

  • #68

    giuseppe (lunedì, 20 settembre 2010 21:17)

    Buona sera dottore ,ho 45 anni e all'età di 18 anni subii un intervento a cielo aperto per ridurre una lussazione alla spalla sinistra ,mi venne messa anche una vite che ho tutt'ora ,l'ortopedico in seguito all'intervento alla spalla sinistra per la rottura del tendine notò la cicatrice sulla destra e mi ha mandato a fare un artotrak perchè mi ha detto che c'è pericolo che la vite ( metodo lagarder ) mi usuri l'osso ,sono in lista d'attesa per rimuoverla ,mi domandavo effettivamente se c'è questo pericolo e se non mi faccio operare che rischi corro ,sento un pochetto di fastidio mah sopportabile ,la rottura dell'osso della spalla che conseguenze potrebbe portare e statisticamente può capitare ? grazie e mi scuso di eventuali imprecisioni .

  • #69

    angela (mercoledì, 22 settembre 2010 17:29)

    Gentile dottore,lo scorso 8 settembre sono stata sottoposta ad intervento di sutura della cuffia rotatoria e decompressione sottoacromiale a sx.Ora indosso un tutore e ho lievi dolori,mi è stato prescritto di cessare la terapia medica il 12 us (novalgina 1000 e paracetamolo 1000 per 4 volte al dì) ma perdurando i dolori,sebbene lievi ,mi è stato consigliato di continuare la terapia ,ridotta alla metà per non soffrire e per non creare infiammazione.Le sarei grata se potesse consigliarmi.Grazie e saluti

  • #70

    angela (mercoledì, 22 settembre 2010 17:51)

    Mi scuso,preciso di avere 53 anni e dopo il 28 devo iniziare Kinesiterapia passiva. Grazie

  • #71

    luca (giovedì, 23 settembre 2010 10:59)

    Dottore,
    A inizio ottobre devo essere operato in artoscopia per una lesione al sovraspinoso causato dallo sport che pratico ( tennis ).Generalmente in quanto tempo posso tornare all'attività agonistica?
    Grazie

  • #72

    isabella (giovedì, 14 ottobre 2010 19:29)

    buona sera dottore, ho 53 anni e da un po' di mesi soffro di un dolore al braccio, fatta la risonanza magnetica e la visita fisiatrica e' risultato °tendine sovraspinato moderatamente assotigliato da tendinopatia,minima reazione liquidadella borsa sottoacromion-deltoide, meno ampio lo spazio subacromiale, capsulite adesiva° ho iniziato la fisioterapia abbinata agli ultrasuoni, ma i dolori sono ancora tanti specialmente la notte . Cosa posso fare x migliorare un po' la situazione... Grazie

  • #73

    GIORGIO (martedì, 19 ottobre 2010 17:23)

    salve
    circa 3 mesi fa in seguito a una caduta ho subito
    rottura della cuffia dei rotatori e legamenti
    sulla spalla ... dopo essermi operato 2 mesi
    fa il 25 agosto..ho tenuto il tutore x poco più di 4 settimane come consigliato ma dopo un periodo
    di tempo ho avuto delle complicazio gonfiore
    sulla spalla e febbre sintomi di una probabile
    infezione relativo a uno sbaglio post operatorio
    (sarebbe rimasto un filo di sutura ) ..mi sono stati consigliati
    antibiotici che sto prendendo tuttora , ma continuo ad avere ,non tutti giorni, la febbre .. sono abbastanza preoccupato lei mi puo dare dei consigli sul
    cosa fare e se questa infezione puo essere pericolosa ????

  • JimdoPro
    #74

    Antonio Siepi (giovedì, 21 ottobre 2010 11:33)

    @Isabella:
    In presenza di una capsulte adesiva, a volte i tempi di guarigione possono essere molto lunghi.
    Continui con la fisioterapia, prediligendo mobilizzazioni passive ed esercizi attivi da scolgere a domicilio.
    A volte si rendono necessarie infiltrazioni di cortisone. Ne parli pure allo specialista che la sta seguendo.
    Auguri

  • #75

    enzo (sabato, 23 ottobre 2010 20:24)

    buona sera dottore, dopo ripetuti sforzi in piscina, dalla R.M. e' risultata una lieve alterazione di tipo degenaritivo al tendine sovraspinato.Ho immobilizzato il braccio con tutore per circa 30 giorni, devo adesso necessariamente iniziare attivita' di fisioterapia o posso alternare attivita' in acqua di potenziamento della spalla?

  • JimdoPro
    #76

    Antonio Siepi (mercoledì, 27 ottobre 2010 14:24)

    @luca:
    I fattori che possono influenzare il ritorno all'attività agonistica, dopo un intervento di lesione della cuffia,sono molteplici. Di solito il periodo può variare dagli 8 ai 12 mesi.
    Saluti

  • JimdoPro
    #77

    Antonio Siepi (mercoledì, 27 ottobre 2010 14:27)

    @GIORGIO:
    Sinceramente sono un pò perplesso che un filo di sutura le abbia potuto provocare una infezione in quanto sono sterili e compatibili con il nostro organismo. Probabilmente la via di entrata del batterio è stata un'altra. Continui con la terapia medica e stia tranquillo.
    Auguri

  • JimdoPro
    #78

    Antonio Siepi (mercoledì, 27 ottobre 2010 14:30)

    @enzo:
    Dipende dalla clinica e dalla sintomatologia. Comunque è sempre consigliabile un periodo di fisioterapia, dopo una immobilizzazione per recuperare la completa funzionalità dell'articolazione.

  • #79

    giorgio (venerdì, 29 ottobre 2010 17:16)

    la rigrazio !!!

  • #80

    raffaele (mercoledì, 17 novembre 2010 16:55)

    salve volevo sapere se e che tipo di fisioterapia era meglio per il mio caso clinico
    mi sono operato una settimana fa "DIAGNOSI FINALE PASTA lesion tendine sovraspinato,artropatia acromioclaveare in distrazione tramautica spalla sx e sarei lieto di sapere le tempistiche del mio reitegro lavorativo essendo un operaio comunale ed esposto a sforzi grazie in anticipo

  • #81

    raffaele (mercoledì, 17 novembre 2010 18:16)

    salve volevo sapere se e che tipo di fisioterapia era meglio per il mio caso clinico
    mi sono operato una settimana fa "DIAGNOSI FINALE PASTA lesion tendine sovraspinato,artropatia acromioclaveare in distrazione tramautica spalla sx e sarei lieto di sapere le tempistiche del mio reitegro lavorativo essendo un operaio comunale ed esposto a sforzi grazie in anticipo

  • #82

    raffaele (mercoledì, 17 novembre 2010 18:19)

    reintegro

  • JimdoPro
    #83

    Antonio Siepi (giovedì, 25 novembre 2010 09:55)

    @raffaele:
    Ii ritorno all'attività lavorativa, dopo un intervento di lesione della cuffia, possono variare dai 3 ai 6 mesi.
    Il timing dipende da vari fattori,quali tipo di lavoro, clinica della spalla, ecc ecc.
    Comunque sarà lo Specialista che l'ha operata, che potrà darle i giusti tempi di reintegro.
    Auguri.
    Auguri.

  • #84

    rosa (domenica, 28 novembre 2010 00:23)

    gentile doctor avrei bisogno di sapere qualè la differenza fra lesione parcellare del spvraspinoso e lesione almeno parziale del sovraspinoso questo è quanto è risultato da 2 rm diverse grazie mille

  • JimdoPro
    #85

    Antonio Siepi (mercoledì, 01 dicembre 2010 11:05)

    @rosa:
    Non c'è nessuna differenza. Si tratta sempre di una lesione parziale del tendine, che a volte viene refertata in maniera diversa.
    Saluti.

  • #86

    rosa (mercoledì, 01 dicembre 2010 18:57)

    la ringrazio molto gentilissimo dott

  • #87

    Piero (domenica, 12 dicembre 2010 18:13)

    In conseguenza a dolori e limitazioni del movimento, tramite una RM,mi è stata riscontrata una lesione completa del tendine del sovraspinato della spalla Dx. Il chirurgo ortopedico mi sconsiglia l'operazione visto il tono muscolare della spalla stessa, ma nonostante due cicli di fisioterapia il dolore si è solo attenuato e i movimenti sono ancora limitati anche per mancanza di forza. Il fisioterapista mi consiglia l'operazione.
    Vorrei da lei un consiglio.
    Saluti

  • #88

    gaetano sapi (venerdì, 17 dicembre 2010 15:50)

    ho subito una lussazionealla spalla sinistra facendo break dance il 28 settembre... secondo la risonanza magnetica i tessuti si sono cicatrizzate bene.. dopo esercizi di fisioterapia ... quando ci vorrà x riprendere a camminare sulle mani?

  • JimdoPro
    #89

    Antonio Siepi (venerdì, 17 dicembre 2010 16:12)

    @Piero:
    Sono diversi i fattori che possono influenzare la scelta di un chirugo, se intervenire o meno in presenza di una lesione del sovraspinato. Tra questi c'è l'età, la professione, le attività di vita quotidiana. Evidentemente l'ortopedico non vede la necessità di effettuare l'intervento, ma se Lei non è convinto, o con la fisioterapia non sta ottenendo i risultati sperati, provi pure a sentire un'altra campana.
    Auguri.

  • #90

    Paolo (lunedì, 27 dicembre 2010 19:23)

    Egregio dott. Siepi, a seguito di una caduta in motocicletta ed al conseguente trauma alla spalla sx nella prima settimana di Agosto, mi sono sottoposto alla risonanza magnetica alla fine di Ottobre all'Ospedale, in quanto a seguito di infiltrazioni con antinfiammatori e antidolorifici non cessava il dolore specialmente alzando il braccio oltre i 90° anche non sotto sforzo.
    Ho fatto una visita specilalistica sia dal fisioterapista ( mostrando il dvd della R.M. ) che dall'ortopedico ( senza R.M. ) ed entrambi mi hanno consigliato una riparazione in artroscopia. Rassegnato attendo la data del 24 di Gennaio per un'ulteriore day hospital per tutte le analisi del caso e la successiva operazione.
    Da circa una settimana - stando attento ai movimenti pesanti della spalla - il fastidio ed il dolore, mai insostenibile, è diminuito fine a farmi dimenticare la presenza della lesione. Non ho idea di cosa possa essere successo, credo di positivo. Può essere una risoluzione effimera?
    Le chiedo quindi se è possibile che una lacerazione o sfibratura ( a questo punto lieve )del tendine possa essere recuperata con una adeguata ginnastica e fisioterapia, evitando la spiacevole anestesia totale e la lunga riabilitazione di oltre 4/6 mesi.
    Immagino mi risponda che senza il supporto della R.M. non è facile una diagnosi, ma non sarebbe meglio stere attenti agli sforzi della spalla sx, fare un'opportuna ginnastica consigliata da un fisioterapista e pian piano recuperare definitivamente.
    La ringrazio, Paolo T.

  • #91

    pasquale (domenica, 02 gennaio 2011 11:34)

    il 21 dicembre sono stato operato alla cuffia rotatoria spalla destra,ho sempre avuto forti dolori ,e normale

  • JimdoPro
    #92

    Antonio Siepi (martedì, 04 gennaio 2011 14:12)

    @Paolo:
    Le ho risposto via e-mail.
    Saluti

  • JimdoPro
    #93

    Antonio Siepi (martedì, 04 gennaio 2011 14:16)

    @Pasquale:
    Avere dei dolori dopo un intervento chirurgico, fa parte dell'iter post-operatorio.
    Ma se i dolori non diminuiscono, col passare del tempo, ne parli pure con lo specialista che lo ha operato, per individuarne le cause, che possono essere molteplici.
    Saluti

  • #94

    pasquale (sabato, 08 gennaio 2011 12:31)

    buongiorno dottor siepi,la ringrazio x la risposta,nel frattempo ho tolto i punti e la ferita e a posto,devo tenere ancora il tutore x 10 giorni ,intanto mi ha spiegato alcuni movimenti da fare a casa ,poi il 28 faro' la visita di controllo x poter partire con la fisioterapia,la saluto cordialmente .

  • #95

    CARLO CENT (venerdì, 14 gennaio 2011 16:03)

    DOPO UNA CADUTA PER STRADA SENTIVO DOLORI SUL COLLO NON ERANO CERVICALI MA FACENDO UN ESAME ECOGRAFICO ALLA SPALLA SINISTRA,RISCONTRAVAUNA LESIONE INCOMPLETA IN SEDE PREINSERZIONE DEL TENDINE DEL SOVRASPINATO E DISTENZIONE FLUIDA DELLA GUAINA DEL TCLB OMERALE,REGOLARMENTE CONTENUTO NELLA DOCCIA OMERALE.NON ALTERAZIONI ECOSTRUTTURALI A CARICO DEI RESTANTI TENDINI COMPONENTI LA CUFFIA.LIEVE DISTENZIONE FLUIDA DELLA BORSA SOTTOACROMIALE.LO SPECIALISTA MI A CONSIGLIATOUN PICCOLO INTERVENTO IN ARTROSCOPIAPER RISOLVERE IL CASO .COSAMI CONSIGLIA '.IO O 62 ANNI IN PENSIONE,DA 2 MESI STO MEGLIOCERCANDO DI NON FARE SFORSI CON IL BRACCIO SINISTRO MI FA MALEQUANDO ALZO IL BRACCIO ALL/ESTERNO,E PRENDENDO DEIPESI ALZANDO IL BRACCIO,LA NOTTE DEVO CERCARE LA POSIZIONE PER DORMIRE .SE INIZIO LA FISIOTERAPIA,RISOLVO.LO SPECIALISTA MI A MESSO IN LISTA PERO' NON SONO DECISO.COSAFACCIO. LA RINGRAZIO PER LA PAZIENSA .

  • #96

    arrigo galeota (venerdì, 14 gennaio 2011 23:36)

    Gent.mo dr Sepi, due mesi orsono sono caduto di schiena ed istintivamente mi sono riparato con il gomito sinistro, con la conseguenza di un bel colpo trasmesso alla spalla sinistra. Il risultato è che ancora oggi non riesco a sollevare interamente il braccio sinistro lateralmente verso l'esterno (solo 90 gradi) ed avverto dolore; riesco invece a sollevarlo anteriormente di 180 gradi, come il braccio destro. Pensa che sia il caso di fare un'indagine? di che tipo? ecografica? raggi X? altro? Che cosa rischio aspettando che la cosa si risolva da sola? Ho 75 anni e le mie condizioni di salute sono discrete. Le sarei molto grato, Dottore, se mi volesse dare qualche suggerimento. Distinti saluti.Arrigo

  • JimdoPro
    #97

    Antonio Siepi (sabato, 15 gennaio 2011 19:44)

    @Carlo Cent:
    Gent.mo Carlo, in presenza di una lesione del sovraspinoso, anche se incompleta, le linee guide consigliano l'intervento, per un recupero completo della funzionalità della spalla.
    Nel caso in cui Lei non voglia operarsi, deve tenere presente che si tratta sempre di un tendine lesionato, che potrà cicatrizzare, ma non guarirà completamente e andrà incontro ad una degenerazione fisiologica dovuta all'avanzare dell'età, che potrà comportare una rottura spontanea, anche fra 10 anni, ma a quel punto sarà troppo tardi per intervenire.
    Capisco che i tempi di guarigione e di riabilitazione post-intervento sono un pò lunghetti, ma considerando che Lei è in pensione ed ha una età, che adesso può affrontare l'intervento tranquillamente, io ascolterei il consiglio dello Specialista.
    Auguri

  • JimdoPro
    #98

    Antonio Siepi (sabato, 15 gennaio 2011 19:58)

    @arrigo galeota:
    Gent.mo Arrigo, dopo un trauma, con presenza di dolore a distanza di due mesi, l'esame consigliato è un Risonanza Magnetica della spalla, per individuare se ci sono lesioni a carico della cuffia dei rotatori.
    Questo esame viene prescritto dall'Ortopedico, al quale Le consiglio di rivolgersi per avere una diagnosi del suo problema muscolo-scheletrico.
    Saluti

  • #99

    Fabio Zimbaldi (giovedì, 20 gennaio 2011 10:50)

    Gent.mo dott. Siepi il 26 novembre 2010 ho subito un'operazione di pulizia alla spalla perche' ,in seguito ad un'altra operazione dove mi avevano riattaccato il cercine parzialmente lesionato, mi si erano formate delle calcificazioni (aderenze) ed era bloccata.
    Visto che gioco a pallavolo, quando posso riprendere l'attività fisica col pallone?
    E' da un paio di settimane che sto facendo un lavoro di potenziamento in palestra.
    La ringrazio anticipatamante
    Distinti saluti
    Fabio

  • JimdoPro
    #100

    Antonio Siepi (venerdì, 21 gennaio 2011 10:58)

    @Fabio Zimbaldi:
    Dopo 50 giorni da un intervento di pulizia delle aderenze, clinicamente la sua spalla sarebbe guarita, ma per ritornare all'attività agonistica è necessario che si ristablisca il giusto equilibrio muscolare. Le consiglio di effettuare un test isocinetico che ci permette di quantificare il decifit muscolare in termini di percentuale. Il test viene effettuato comparando i due arti, e ad una percentuale dell'80%, rispetto all'arto sano, può iniziare un allenamento riabilitativo, direttamente sul campo di gioco, fino ad arrivare ad una percentuale del 100% per riprendere in tranquillità la sua attività sportiva.
    Auguri.

  • #101

    ilaria (venerdì, 21 gennaio 2011 13:11)

    buongiorno dott.siepi,
    l altro ieri ho lussato la spalla per la 5 volta...l ultima volta che ho avuto una lussazione risale el gennaio del 2007. da allora ho iniziato a mettere su massa muscolare facendo palestra.purtoppo da quasi un anno ho smewsso di praticare palestra,e credo che questa sia la causa dell uscita della spslla durante un contrasto in una partita di calcio.
    non ho intenzione di operarmi,.secondo la sua esperienza,riprendendo a praticare palestra potrei evitare ulteriori traumi futuri come quest ultimo.
    grazie in anticipo
    ilaria

  • #102

    Daniele D. (domenica, 23 gennaio 2011 23:28)

    Ho 75 anni.
    Inciampando per strada sono caduto, riportando, a quel che si é capito molto più tardi,la rottura del tendine del muscolo sovraspinato.
    Sono passati 4 mesi dall' incidente, e il dolore e gli impedimenti al movimento sono molto diminuiti, pur se sempre prsenti.
    Per impegni varii non sono in grado, ancora per molti mesi di sottopormi ad intervento chirurgico ( consigliatomi dopo esame MRI).
    Vorrei intraprendere, nell' attesa, esercizi riabilitativi ( ma non so quali siano consigliati ) . Inoltre mi chiedo se vi sia un limite di tempo massimo entro il quale occorra attuare l' intervento per garantirne l' efficacia.
    Grazie

  • JimdoPro
    #103

    Antonio Siepi (lunedì, 24 gennaio 2011 11:29)

    @ilaria:
    Dopo cinque episodi di fuoriuscita della spalla, nel suo caso si parla di lussazione recidivante, e l'aumento della massa muscolare non ci garantisce che, in caso di trauma, non si possa verificare nuovamente.
    La stabilità dell'articolazione è data dal corretto equilibrio muscolo-capsulolegamentoso, e se l'ortopedico ha valutato l'ipotesi di intervenire e perchè avrà valutato una lassità a carico dei tessuti periarticolari, che potrà stabilizzare solo con un intervento chirurgico.
    Se Lei decide di non operarsi, dovrà perlomeno evitare attività a rischio, tipo sport di contatto che potrebbero provocarle nuovi episodi di lussazione.
    Saluti.

  • #104

    carlo cent (venerdì, 28 gennaio 2011 17:24)

    Gentilissimo Dott SIEPI ,sono Carlo la ringrazio per la sua consulenza,mi deve scusare ma come a notato sono inesperto del computer ma o appena letto il suo prezioso consiglio. distinti saluti CARLO .

  • JimdoPro
    #105

    Antonio Siepi (venerdì, 28 gennaio 2011 17:39)

    @Daniele D:
    Eseguire degli esercizi per la spalla, saranno sicuramente utili nel suo caso, sia per evitare una perdita di tono dei muscoli della cuffia, sia come ginnastica pre-operatoria. Ma gli esercizi dovranno essere eseguiti sotto la guida di un fisioterapista, per modularne l'intesità, la frequenza ed, importante, evitare la comparsa di compensi. Poi, una volta che li ha imparati, potrà svolgerli anche a domicilio. Per cui Le consiglio di rivolgersi ad un centro di riabilitazione della sua città, dove la potranno sicuramente aiutare. Invece, per i tempi dell'intervento, considerata la sua età, non potrà aspettare ancora molto , altrimenti i tessuti non saranno più fisiologicamente in grado di sostenere una reinserzione tendinea.
    Auguri.

  • #106

    marco (venerdì, 28 gennaio 2011 17:58)

    eg. dott. Siepi, le vorrei porgere una domanda. ho 35 anni,.sono ad oggi 45 giorni che mi sono operato alla spalla per una lussazione abituale scapolo omerale,in artroscopia. sto facendo fisioterapia,ma mi chiama 2-3 volte la settimana. non sarebbe meglio cominciare a fare 4-5 sedute settimanali per guarire piu' rapidamente? mi sembra che sono ancora lontano dal mettermi a posto visto che ancora non riesco a mettere le marce della macchina. lei che ne pensa? grazie per l'attenzione.

  • #107

    francesco (domenica, 20 febbraio 2011 09:46)

    Gemt.mo Dott. Siepi, sono Francesco, sento dolore alla spalla sx,da sei mesi causa scontro giocando a calcetto.la RM effettuata recita:
    Lesione parcellare subacromiale del tendine del m.sopraspinoso nel contesto di spiccata tendinosi, in esiti di impingement traumatico.
    Sclerosi corticale all'inserzione del tendine del m.sopraspinoso sul tronchite, dove si rileva un minuto geode sottocorticale.Lieve entesopatia all'inserzione del tendine sottoscapolare.
    Modesto versamento nella borsa sottoscapolare e nella guaina del tendine del capo lungo del bicipite.
    in parole povere mi potrebbe dire cosa c'e' alla mia spalla .Grazie

  • JimdoPro
    #108

    Antonio Siepi (lunedì, 21 febbraio 2011 00:52)

    @francesco:
    A causa del trauma, c'è stata una lesione del tendine del sovraspinoso, con conseguente infiammazione degli altri tendini della cuffia dei rotatori.Le consiglio una visita con un ortopedico, per valutare se sia il caso di intervenire chirugicamente.
    Saluti.

  • #109

    paolo (mercoledì, 23 febbraio 2011 11:47)

    dopo un operazione di litotrissia percutanea in anestesia totale avvenuta c.a 20 giorni fa al rene sx (con esito normale) fatico a alzare il braccio dx. ho fatto gia'3 sedute di fisioterapia da un osteopata e i raggi alla spalla (che non hanno evidenziato nulla) ,ma nonostante qualche miglioramento il problema non e' sparito .Anche col bicipite del braccio dx faccio fatica a alzare gli oggetti . la ringrazio per l'attenzione.

  • #110

    Ludovico (lunedì, 28 febbraio 2011 22:33)

    Il 15/02/11 sono stato operato alla spalla dx in artroscopia per riparazione del sopraspinato.Dopo 5 giorni ho cominciato gli esercizi di riabilitazione presso uno studio di fisioterapia.Il chirurgo aveva
    prescritto esercizi passivi, ma vedendo il video all'inizio credo di farne anche degli attivi.A quali complicazioni potrei andare in contro.La notte continuo ad avere dolori alla fascia muscolare del braccio.
    La ringrazio e la saluto

  • #111

    giorgio (giovedì, 03 marzo 2011 11:09)

    Egr. Dottor Antonio Siepi
    Ho una tendinopatia calcifica alla spalla sinistra.
    Ho eseguito due sedute su tre di onde d'urto. Dovrei effettuare un "rinforzo isometrico cuffie e
    rotatori"
    Vorrei sapere se gli esercizi del filmato sono
    adatti al mio caso e se posso eseguirli adesso con
    la spalla dolorante quando compio particolari
    movimenti e una parziale mobilità del braccio.
    Ringraziandola per la cortese attenzione porgo
    cordiali saluti.

  • JimdoPro
    #112

    Antonio Siepi (giovedì, 03 marzo 2011 20:10)

    @paolo:
    Gent.mo Paolo, purtroppo non vedo correlazione tra l'intervento al rene e il suo problema al braccio. Probabilmente la causa scatenante è stata un'altra. Ne parli pure col suo osteopata, il quale ha sicuramente una visione olistica diversa dal punto di vista della fisioterapia.
    Saluti.

  • JimdoPro
    #113

    Antonio Siepi (giovedì, 03 marzo 2011 20:15)

    @Ludovico:
    Dopo un intervento di lesione al sovraspinoso, le linee guida obbligano, per le prime 4 settimane, solo una fisioterapia passiva per conservare l'integrità dell'impianto e per evitare le aderenze. Non credo che il collega, le stia già proponendo degli esercizi attivi, ma se cosi fosse, glie ne parli tranquillamente, mostrandogli la prescrizione del chirurgo.
    Saluti.

  • JimdoPro
    #114

    Antonio Siepi (giovedì, 03 marzo 2011 20:21)

    @Giorgio:
    Gli esercizi isometrici, sono esercizi che incrementono la forza e la resistenza muscolare senza che però ci sia movimento articolare. Nel filmato, invece, sono presenti esercizi isotonici contro resistenza che non fanno al caso suo. Potrà cominciare a fare quegli esercizi, sono quando avrà recuperato la moblità dell'articolazione e sarà diminuito il dolore.
    Auguri.

  • #115

    Massimiliano (sabato, 26 marzo 2011 00:11)

    Egr. Dott. Siepi a seguito sforzo 3 settimane fa: modesto versamento nelle guaina del tendine capolungo del muscolo bicipite da tenovaginalite; disomogeinità eco strutturale dei tendini della cuffia muscoli rotatori con quadro come da tendinosi con associati segni di peritendinite; all'inserzione del tendine del muscolo sovraspinoso si apprezza sul versante omerale area ipocogena del diametro di 1,7 x 0,6 cm compatibile con rottura parziale. Ispessimento della borsa sottocromion deltoidea. Il medico spec. in Medicina Interna e Radiologia che mi ha fatto l'eco non è per operare. Posso avere un suo parere ? I movimenti sono discreti ma con scarsa forza, operaio 41 anni, sport occasionalmente. Posso sperare su un recupero senza operazione contando solo su esercizi passivi e attivi ? Grazie anticipatamente. Saluti

  • #116

    stefano (domenica, 27 marzo 2011 00:06)

    Egr. Dottor Antonio Siepi,
    le scrivo per aver un suo consiglio:
    ho subito un intervento in data 02/03/2011 al tendine sovraspinoso, per una lacerazione di 2cm alla spalla sx, sono stati messi due gancini in chevlar, ma a oggi ho forti dolori nel fare esercizi consigliati dal fisiatra, e anche il recupero del movimento è molto lento diciamo che lateralmente arrivo a fatica sui 45 gradi, e un po di più alzando il braccio anteriormente saranno 55 gradi, ma la cosa strana che ho un forte dolore e sento come tirare sul muscolo tra spalla e pettorale, diciamo sopra all'ascella, propio in corrispondenza di uno dei punti usati per artoscopia, e quando alzo la spalla si alza tutta la parte sx non riuscendo ad alzare solo la spalla, quando cerco di spingere in giù per far in modo d'alzare solo la spalla sento, dei stiramenti al muscolo in questione come dei piccoli crampi, non è che possa essere stato leso o intaccato dai punti? o è una cosa normale? nel caso possa rientrare nella norma, quanto tempo servira per riaquistare sia la completa apertura della spalla e la scomparsa dei dolori???
    e invece non fosse normale ci potrebbe essere il rischio d'andare incotro a un altra operazione?

    grazie

  • #117

    Davide (lunedì, 28 marzo 2011 12:06)

    Salve dottore,
    sono un ragazzo di 24 anni e ho una lesione slap II al capolungo del bicipite della spalla destra. I tempi di recupero da lei indicati mi sembrano riferiti generalmente a persone over 40. Secondo lei per me (fisico atletico e giovane) i tempi di recupero possono diminuire? Poi un'ultima cosa: facendo questa operazione (in artroscopia ovviamente) si possono tornare a fare tutte i movimenti ed esercizi in palestra? Lavorando in una palestra vorrei sapere se riuscirò per esempio a tornare a fare panca inclinata (ho preso in esempio il movimento più dannoso per il mio problema) tranquillamente con pesi notevoli e dopo quanto tempo.
    La ringrazio,

    Saluti

  • JimdoPro
    #118

    Antonio Siepi (lunedì, 28 marzo 2011 18:13)

    @Massimiliano:
    Visto il poco tempo trascorso del trauma, e ancora presto per parlare d'intervento. Sicuramente si prova dapprima un trattamento conservativo, con una riabilitazione mirata al recupero funzionale della spalla. Nel caso in cui, non si raggiungano gli obiettivi previsti, sia come recupero che come sintomatologia allora sarà il caso di rivogersi ad un ortopedico, per considerare l'eventualità di un intervento.
    Auguri.

  • JimdoPro
    #119

    Antonio Siepi (lunedì, 28 marzo 2011 18:15)

    @Stefano:
    Ma la riabilitazione la sta facendo a domicilio, senza la visione di un fisioterapista?

  • JimdoPro
    #120

    Antonio Siepi (lunedì, 28 marzo 2011 18:30)

    @Davide:
    I tempi di recupero possono variare a seconda del tipo d'intervento e della fisioterapia effettuata. Generalmente, considerando le variabili, si va da un minimo di tre mesi ai sei mesi per una guarigione clinica. Nel suo caso, se vuole ritornare ad allenarsi in palestra, con dei carichi notevoli, sarei più orientato verso i cinque/sei mesi, anche se Le consiglio di non stressare molto la spalla con la panca inclinata.
    Saluti

  • #121

    stefano (martedì, 29 marzo 2011 10:00)

    buon giorno dottore,
    no la riabilitazione la sto facendo dal fisioterapista, e al pomeriggio faccio gli esercizi a casa.

  • JimdoPro
    #122

    Antonio Siepi (mercoledì, 30 marzo 2011 11:55)

    @stefano:
    In effetti, siamo un pò indietro come tempistica, però considerarando diversi fattori, non mi preoccuperei. Insisterei sulla mobilizzazione passiva dell'articolazione, e il dolore che sente a livello del pettorale possono essere delle aderenze che si sono formate a seguito dell'immobilizzazione, e dei punti che gli hanno dato.
    Lei continui a fare gli esercizi domiciliari, sempre dentro la soglia limite del dolore e consideri che "normalmente" ci vogliono 2 mesi per un recupero funzionale, però nel suo caso questi tempi si allungheranno un pò.
    Auguri.

  • #123

    stefano (giovedì, 31 marzo 2011 00:35)

    la ringrazio dottore del consglio, e continuerò a fare gli esercizi domiciliari, con un pò di serenità,.

    graziie.

    saluti.

  • #124

    Silvia (giovedì, 31 marzo 2011 11:59)

    Gentile Dottore,
    sono una donna di 40 anni.
    circa 2 mesi fa sono stata operata alla spalla dx in artroscopia per una lesione al sovraspinoso in situazione di iperlassità legamentosa multidirezionale e sto seguendo il percorso riabilitativo suggerito dal fisiatra (mobilizzazione passiva per il primo mese, mobilizzazione passiva e attiva in acqua dal secodo mese).
    purtroppo sono in ritardo con il recupero della mobilità (riesco a sollevare il braccio in avanti e lateralmente solo di 45° e con il braccio arrivo a toccarmi dietro solo al livello del gluteo) per presenza di solore e di una preesistente capsulite adesiva che mi ha fatto arrivare all'intervento con un ROM già molto ridotto (80° in avanti, meno lateralmente).
    Un'uteriore difficoltà è rappresentata dal fatto che sfortunatamente ho dolore anche all'altra spalla a causa di simile lesione del sovraspinoso (ROM un po' limitato anxhe a sx).
    Dovrò essere sottoposta quindi a un intervento anche alla spalla sinistra.
    In base alle poche informazioni che ho potuto darle, secondo la sua esperienza, dopo quanti mesi dall'intervento alla spalla destra potrò fare quello alla spalla sinistra?
    Temo che la situazione della spalla sx degeneri in attesa di completare la riabilitazione alla destra.
    Inoltre, per il futuro, cosa posso concretamente fare per evitare altre eventuali lesioni ai tendini, data la instabilità delle spalle dovuta alla iperlassità?
    La ringrazio in anticipo e la saluto cordialmente.

  • JimdoPro
    #125

    Antonio Siepi (giovedì, 31 marzo 2011 20:22)

    @Silvia:
    Purtroppo quello che le sta provocando un ritardo nel recupero dall'intervento, e propio la capsulite adesiva che limita i gradi articolari e non ci fa rispettare la tempistica di un protocollo riabilitativo.
    Questo significa che il recupero sarà un pò più lento, e solo quando avrà ottenuto un minimo di mobilità attiva, potrà pensare di affrontare l'altro intervento, altrimenti si troverà con due arti superiori deficitari che la limiteranno molto nelle normali attività quotidiane.
    Le consiglio di concentrarsi tranquillamente sulla riabilitazione della spalla operata, anche se dovrà attendere un mese in più o meno, per il nuovo intervento, questo non le provocherà grossi squilibri muscolo-articolari.
    Auguri.

  • #126

    Fabio (venerdì, 01 aprile 2011 00:04)

    Gentile dottore,
    ho la spalla destra sublussata, e facendo determinati movimenti mi si lussa. dovrei farmi operare, ma visto che non ho quasi nessun problema, pur facendo molta attività fisica, preferisco tenerla così. mi stavo chiedendo se, visto che in palestra uso un tutore (per la spalla), esso poteva limitare l'aumento di massa muscolare.
    la ringrazio anticipatamente.
    P.s in palestra faccio esercizi di tipo "bodybuilding" non aggressivo

  • #127

    manuela (lunedì, 04 aprile 2011 09:47)

    sn stata operata il 16 marzo per renserzione tendine e acromnioplastica ho iniziato fisioterapia passiva ma quando la faccio da sola mi procuro fortissimi dolori al muscolo del braccio. Vorrei sapere se e' normale o forse sn io che sto troppo in tensione....sn anche un po' avvilita xche'non vedo miglioramenti...tranne quando sn col fisioterapista che dolore a parte riesce a mettermi il braccio complet all'indietro pero' dopo pocgi esercizi mi stanco e vorrei scappare..anche xche' dopo un'ora esco che sn distrutta...e'normale tutto cio'?grz

  • JimdoPro
    #128

    Antonio Siepi (lunedì, 04 aprile 2011 12:33)

    @fabio:
    Il tutore non limita la crescita della massa muscolare, ma se causa una limitazione articolare, con difficoltà a svolgere il movimento libero e completo, allora potrebbe essere deficitario per l'aumento del ventre muscolare.
    Saluti.

  • JimdoPro
    #129

    Antonio Siepi (mercoledì, 06 aprile 2011 11:52)

    @manuela:
    Probabilmente carica un pò troppo il tendine, durante l'esecuzione del movimento attivo. Si mantenga dentro la soglia del dolore, e stia tranquilla che avere ancora dolori, dopo 3 settimane dall'intervento è nella norma.
    L'importante è che durante la mobilizzazione passiva del fisioterapista, non accusa forti dolori e che il range articolare stia gradualmente migliorando.
    Saluti.

  • #130

    Federico (mercoledì, 06 aprile 2011 17:43)

    Salve Dottore,
    a seguito di episodi di sublussazioni che sono degenerati in un unica lussazione franca alla spalla sx ho riportato una lesione di bankart di tipo alpsa nell articolazione glenomerale.
    Ho fatto l intervento di capsuloplastica (tre ancorette) 14 mesi fa e la situazione è molto migliorata, il rom è oramai quasi uguale al controlaterale; permangono però sia una leggera mancanza di forza ai limiti del rom e sia una notevole apprensione e insicurezza nelle attivita overhead.
    essendo sportivo agonista ho recuperato quasi tutti i programmi di allenamento aerobici ma ho ancora problemi nelle fasi di gioco in cui vi è mpredivibilitò del movimento, spesso ho dei dolori che interessano la regione scapolare( che ogni tanto "scrocchia" e un fascio del collo fino a dietro l'orecchio e qualche volte si diramano arrivano fino alla giunzione dell avabraccio.I dolori compaiono quasi esclusivamente quando la spalla è sollecitata (nella vita quotidiana i problemi sono trascurabili)
    non vorrei che l instabilità non sia stata risolta con l intervento..fino a che punto posso fidarmi della mia nuova spalla?

  • #131

    Antonio Bollè (giovedì, 07 aprile 2011 16:13)

    Gentile Dottore,
    circa 2 anni fa ho fatto per 7 mesi palestra, mi allenavo pesantemente senza pensare troppo ai possibili infortuni, essendo di costituzione magra credo di avere di conseguenza anche dei tendini poco resistenti, dopo 7 mesi appunto ho iniziato a sentire un dolore alla spalla sx sia nell allenamento nei momenti di massimo sforzo e sia a riposo magari da sdraiato o seduto, insomma nelle posizioni di ''relax'', il dolore allenandomici sopra non è passato ma è anzi aumentato fino a non riuscire piu' a chiudere neanche una bottiglia d'acqua,... dopo 4 mesti di stop dalla palestra ho fatto 3 infiltrazioni alla spalla, in seguito sono stato a riposo altri 6 mesi..., ora è passato un anno dall infortunio e circa 4 mesi da quando non sento MAI dolore alla spalla...oggi sono tornato ad allenarmi convinto che la spalla ''dolorante'' fosse solo un ricordo ma durante le serie di sforzo maggiore il dolore se pur piu lieve tornava...e si fa sentire anche a riposo durante appunto le situazioni di relax in cui sento il braccio scomodo...(ho iniziato un ciclo di 5gg come facevo l anno scorso di antiinfiammatori).
    le mie domande sono :
    - è normale che cio' accada anche a distanza di un anno ? cosa posso fare per far tornare la mia spalla sana come la destra ?
    - pur avendo questo dolore posso allenarmi comunque e puntare a far ''massa muscolare'' anche se appunto sento questo dolore e il fastidio ?
    quello che voglio dire è che il ,mio obiettivo è avere una bella massa muscolare, e quello che chiedo e come fare visti i miei problemi...capire se devo allenarmi nonostante il male...se c è qualche cura definitiva...insomma capire come ottenere cio' che voglio senza compromettere del tutto la spalla...
    La ringrazio infinitamente, Antonio Bollè

  • JimdoPro
    #132

    Antonio Siepi (giovedì, 07 aprile 2011 18:37)

    @Federico:
    Quale sport pratica? Ha fatto dei test isocinetici, durante il periodo riabilitativo, e con quale risultati?

  • #133

    Antonio Bollè (giovedì, 07 aprile 2011 22:00)

    Innanzitutto Dottore voglio ringraziarla per la celerità della sua risposta..., io pratico bobdy building 3 volte a settimana ora evitando gli esercizi di spalle e limitando gli altri per non accusare dolori prolungati nel tempo anche a riposo.
    non ho fatto questi test ho solo fatto una radiografia che ha evidenziato una tendinite se non sbaglio alla cuffia dei rotatori.

  • #134

    Federico (venerdì, 08 aprile 2011 11:44)

    Salve dottore,
    pratico pallanuoto e la spalla in questione non è quella di tiro e lancio ma quella di appoggio e stabilizzazione.
    Ho fatto test isocinetici e i valori erano si deficitari ma nella norma.

  • #135

    matteo 75 (venerdì, 08 aprile 2011 19:54)

    Buona sera Dottore sono appena stato operato alla spalla l'intervento trattava una decompressione sottoacromiale non c'erano lesioni alla cuffia si è eseguita una bursectomia ed acromioplastica anteriore... siccome svolgo una mansione abbastanza faticosa(opero sui tralicci telefonici) quanto sarebbe opportuno riposare? E dopo quanto tempo potrei nuovamente giocare a tennis? La ringrazio molto per la sua disponibilità e le auguro un buon proseguimento...

  • JimdoPro
    #136

    Antonio Siepi (lunedì, 11 aprile 2011 18:55)

    @Federico:
    Da come mi descrive il dolore, la sua localizzazione e in quale momento si presenta, mi verrebbe da pensare che ci sia un deficit a carico degli stabilizzatori della scapola. Però i fattori che intervengono, su di un atleta operato di Bankart sono molteplici, per cui la mia è solo un'ipotesi che dovrebbe essere confermata da una diagnosi funzionale.
    Quello che le posso consigliare è di rivolgersi ad un fisioterapista specializzato in terapia manuale e valutazione funzionale, che potrà sicuramente aiutarla.
    Auguri

  • JimdoPro
    #137

    Antonio Siepi (lunedì, 11 aprile 2011 19:02)

    @Antonio Bollè:
    Probabilmente la prima volta che è rimasto bloccato con la spalla, si è procurato una forte tendinite della cuffia dei rotatori dovuta al sovraccarico di lavoro fatto in palestra.
    Ciò le ha provocato anche uno spasmo di tutta la muscolatura, la quale non è stata risolta con le infiltrazioni, ed è per questo motivo che appena sforza di nuovo la spalla compare il dolore.
    In questo caso non è utile spingere molto in palestra, ma dovrebbe effettuare degli esercizi ripetuti a carichi bassi e tanto streching prima e dopo la seduta.
    Se ciò non fosse sufficente allora,dovrebbe fare delle sedute di fisioterapia per sciogliere gli eventuali spasmi o aderenze che si sono create nel tempo.
    Saluti

  • #138

    manuela (giovedì, 14 aprile 2011 19:03)

    La ringrazio moltissimo della risposta,vorrei approfittarne ancora per alcune delucidazioni :

    -il fisioterapista mi ha consigliato la piscina per una serie di esercizi sempre seguiti ,ho provato e mi sono trovata bene quasi che vorrei alternare un giorno piscina ed un giorno fisioterapia con esercizi a casa per un massimo di due giorni a settimana,possono bastare secondo lei?
    non posso ancora usare l'auto quindi recarmi al centro piu giorni mi e' problematico
    -il fisioterapista sostiene che posso usare mano destra es per scrivere o mangiare ecc...solo a partire dal mese di maggio ( concorda anche lei? )
    (intervento 16 marzo us )
    La saluto ringraziandola davvero molto per la sua risposta

  • #139

    matteo 75 (venerdì, 15 aprile 2011 11:52)

    buon giorno le ho scritto l'otto di aprile la domanda numero 135,probabilmente non l'ha vista... la ringrazio per l'interessamento e le auguro un buon lavoro

  • JimdoPro
    #140

    Antonio Siepi (sabato, 16 aprile 2011 17:21)

    @matteo75:
    Non essendoci stata una lesione della cuffia, i tempi di guarigione sono più rapidi, ma comunque prima delle 6/8 settimane non credo che possa riprendere la sua attività lavorativa.
    Mentre per il tennis, potrà ricominciare a giocare quando avrà ristabilito il corretto equilibrio muscolare, per cui una volta finita la riabilitazione le consiglio di svolgere un programma di tonificazione in palestra, almeno per altre 4/6 settimane per poi cominciare gradualmente a palleggiare, fino alla ripresa totale dell'articolazione.
    Saluti

  • JimdoPro
    #141

    Antonio Siepi (sabato, 16 aprile 2011 17:30)

    @Manuela:
    Se riuscisse ad alternare due giorni di fisioterapia, con una seduta in piscina, più gli esercizi domiciliari, sarebbe la cosa ideale per la sua spalla.
    Concordo con il collega di attendere almeno 6 settimane dall'intervento, per cominciare a usare l'arto interessato gradualmente.
    Saluti.

  • #142

    matteo 75 (sabato, 16 aprile 2011 19:16)

    buona serata,volevo solamente ringraziarla ...

  • #143

    gabriella (lunedì, 18 aprile 2011 18:05)

    esattamente 3 mesi fa sono stat operatain artroscopia per rottura a tutto spessore tendine sovraspinato. oltre a fissare tale tendine mi è stata praticata tenotomia del clbo, pulizia, asportazoione borsa acromoidale.
    dopo 3 mesi di fisioterapia ho ancora forti dolori anche a riposo, limitazione funzionale importante. il fisiatra parla di aderenze che bloccano l'articolazione, delle quali per altro non vi è nota nella rm eseguita la sett. scorsa. inoltre tale rm parla anche di clb molto sottile. ma non lo avevano asportato? cosa consiglia?
    Grazie
    ,


  • #144

    Fabio C. (martedì, 19 aprile 2011 15:04)

    Buon giorno Dottore,

    a seguito di una caduta ho subito un trauma alla spalla. Dalle radiografie è stato diagnosticato un distacco parcellare del trochite. La spalla è abbastanza rigida con abduzione non oltre i 45° e non extraruota. La risonanza magnetica parla di alterazione del segnale da intenso edema osseo midollare del tochite (compatibile con microfrattura occulta) associata ad una alterazione del segnale del tendine sovraspinatoda tendinopatia. Non ci sono alterazioni agli altri tendini della cuffia e dei rotatorie del tendine del capolungo del bicipite. Lo spazio sottoacromiale è lievemente ridotto come anche lo spessore delle carilagini. La caduta risale acirca 6 settimane fa ma ho ancora dolori, soprattutto a riposo.
    Mi è stata consigliata della fisioterapia per migliorare la mobilità della spalla, purtoppo io sono spesso in viaggio e mi è difficile programmare delle sedute di fisioterapia. E' sufficente per il quadro clinico che le ho esposto fare degli esercizi attivio in piscina o sono assolutamente necessarie delle sedute passive dal fisioterapista?

  • JimdoPro
    #145

    Antonio Siepi (martedì, 19 aprile 2011 17:42)

    @gabriella:
    Ha eseguito subito un ciclo di mobilizzazioni passive, per almeno un mese dopo l'intervento? Se non lo ha fatto, è probabile che vi siano delle aderenze dei tessuti che le limitano il range articolare, che non sono visibili nella RM.
    Invece, con la tenotomia del ClB, il tendine non viene asportato completamente, ma si recide la parte inserzionale danneggiata e si procede ad una nuova fissazione del tendine sui capi ossei o altre strutture tendinee.
    Saluti

  • JimdoPro
    #146

    Antonio Siepi (martedì, 19 aprile 2011 17:49)

    @Fabio C.
    A volte, una delle conseguenze di una frattura della spalla è l'instaurarsi di una capsulite adesiva, detta anche "spalla congelata" che blocca il range articolare con presenza di forte dolore.
    E' molto utile, ma non sufficiente, eseguire degli esercizi attivi in piscina, ma dovrà fare anche della mobilizzazione passiva per recuperare velocemente la mobilità articolare della spalla.
    Auguri.

  • #147

    Daniel (mercoledì, 20 aprile 2011 12:37)

    Buona giornata Dottore,
    approfitto della sua disponibilità per esporre il mio problema.

    2 anni fà ho avuto una sbracciata con un compagno di pallone, che mi ha fatto ruotare il braccio e di conseguenza la spalla più in alto della mia flessibilità ho sentito un forte dolore che a freddo non mi permetteva neanche di ruotare la chiave della macchina per accenderla. La sentivo anche nelle settimane successive come indebolità e avevo paura di appoggiarmi con il braccio,il dolore e' perdurato diversi mesi senza fare nessun controllo.

    Dopo più di un anno era tutto risolto, ho per diveri motivi iniziato a fare nuoto e giocare un pò a tennis,non so se troppe fatiche insieme, ma dopo 4 o 5 mesi di nuoto, ho sentito un dolore che man mano si e' intensificato nella fascia alta pettorale fino all'inserzione con la spalla proprio costeggiando la clavicola fino ad arrivare all'acromion(spero che si chiami cosi). Il dolore era intenso e con i successivi allenamenti ho dovuto smettere, il maggior fastidio l'avevo portando il braccio dietro la schiena passando lateralmente come se dovessi alzarmi i pantaloni prendendoli per la cinta(posteriormente).
    Ho fatto alcune sedute di ipertermia e massaggi...

    In 2 mesi circa il dolore e' scoparso e per diversi motivi sono stato fermo 4 o 5 mesi, appena ho ripreso l'attività di nuoto, dopo 2 o 3 settimane di allenamenti e' ricomparso, non cosi acuto ma il dolore a volte partiva dall'inserzione tra pettorale/scapola e acrommion, questa volta sembra interessare e scendere diagonalmente verso il centro del muscolo pettorale,avevo un'effetto come se tirasse(fino all'inserzione tra i due pettorali)...

    Di nuovo diversi mesi di stop, ho iniziato un po di esercizi a corpo libero, appena ho effettuato flessioni a terra e trazioni alla sbarra per i dorsali di nuovo il problema come nell'ultima fase, fastidio che partiva dall'angolo alto della spalla(a volte anche un po di senso di debolezza e fastidio sul l'acromion)fino ad arrivare diagonalmente al centro del petto.

    Ho effettuato cosi una RM spalla DX e questa e' la prognosi rilevata: Minima riduzione in ampiezza dell'outlet del sovraspinoso. Si associa modesso ispessimento del tendine muscolo sovraspinoso, a livello dell'area critica ed in sede inserzionale, come per tendinopatia di grado moderato lieve. nei limiti il trofismo del ventre muscolare.
    Non si rilevano ulteriori reperti a carico degli altri componenti della cuffia dei rotatori.
    Nei limiti per intensità di segnale il tendine del capolungo del bicipide nel suo decorso extra-articolare.
    Con i limiti della metodica non significative alterazioni di segnale a carico del cernice glenoideo.
    Minima quota fluida intrarticolare.

    Quello che presenta il referto si puo' accostare ai sintomi che ho sopra descritto?

    Cosa mi consiglia di fare?

    Scusate se sono stato prolisso.
    Grazie
    Daniel

  • JimdoPro
    #148

    Antonio Siepi (giovedì, 21 aprile 2011 09:49)

    @Daniel:
    Il suo problema è da collegare al trauma avuto due anni fa, ma ancora non risolto. Probabilmente nell'incidente ha avuto una sublussazione o un trauma agli extrarotatori della spalla, e se non ha fatto terapie, questo ha comportato una serie di meccanismi di compenso fino all'indebolimento dei fissatori della scapola. Per questo motivo, quando va a nuotare, compie delle flessioni o trazioni alla sbarra sente dolore. Naturalmente, questa mia ipotesi va confermata da una diagnosi funzionale.
    La RM non corrisponde alla sua clinica.
    Il mio consiglio e di rivolgersi ad un fisioterapista, per una valutazione globale e cominciare così un programma di rieducazione funzionale per ripristinare il corretto equilibrio scapolo-omerale.
    Auguri.

  • #149

    giuseppe de sanctis (venerdì, 22 aprile 2011 17:29)

    in seguito ad un forte trauma ho avuto fratura del trochite con immobilizzazione per circa una mese, sono state eseguite due elettromiografie da cui risulta assenza si risposta del deltoide dx, in seguito da esame ris.mag. risulta
    lesione subtotale tendine sovraspinoso e lesione
    legamento glenoideo antero inferiore, gli ortopedici consultati dicono di non intervenire
    chirurgicamente per la riparazione del tendiene e di fare fisioterapia, se non recupero il deltoide, entro quanto tempo poi posso intervenire alla riparazione del tendine?
    conviene fare prima fisioterapia per il recupero dell'articolazione e poi operasi?
    grazie

  • JimdoPro
    #150

    Antonio Siepi (martedì, 26 aprile 2011 21:43)

    @giuseppe de sanctis:
    In questo momento la priorità è il recupero articolare e muscolare, deficitario a causa dell'immobilizzazione. Successivamente valuterà con gli specialisti, se e il caso di intervenire oppure no. Ma tenga presente, che ci vorranno fino a 8 settimane per un recupero completo, per cui adesso è presto parlare di una tempistica per un eventuale intervento.
    Auguri.

  • #151

    italo (mercoledì, 04 maggio 2011 21:34)

    a causa di una caduta nel 2006 non mi è stato riconosciuta una lesione al sottospinoso spalla sinistra dopo alcuni anni nel 2010 vengo operato al tendine con sutura artroscopica del sottospinoso che comunque mi rimane con una lesione centrale talmente era il danno,volevo sapere se è possibile con le nuove tecniche una sua ricostruzione e se ritiene che possa riprendere a lavorare (faccio il macchinista di trenitalia)normalmebte oppure lavori più leggeri?

    p.s. ho 53 anni

  • #152

    matteo 75 (domenica, 08 maggio 2011 00:06)

    Buona sera Dottore ho subito un ' operazione alla spalla, bursectomia ed acromioplastica anteriore , non c'erano lesioni alla cuffia... l'intervento è stato eseguito il 5 aprile del 2011 e dopo una settimana ho cominciato la fisioterapia con gli elastici . Ad oggi svolgendo gli esercizi e muovendomi normalmente avverto dei dolori abbastanza forti all'altezza del bicipite a volte esternamente altre internamente ... volevo sapere se secondo lei è normale oppure ci potrebbero essere delle complicazioni? Grazie per la sua disponibilità , buona serata.

  • JimdoPro
    #153

    Antonio Siepi (lunedì, 09 maggio 2011 17:57)

    @italo:
    Penso che con l'intervento Le abbiano già ricostruito il tendine, anche se la lesione era pregressa. Non ho capito cosa intende per una "lesione centrale". Mentre per la funzionalità della spalla, se ha ristabilito un buon equilibrio muscolo-articolare può svolgere normalmente il suo lavoro.

  • JimdoPro
    #154

    Antonio Siepi (lunedì, 09 maggio 2011 18:00)

    @matteo75:
    A volte può capitare di avere ancora dei dolori che irradiano nel bicipite, o fino al gomito, dopo un intervento di acromionplastica. Questo può essere dovuto a delle aderenze che si sono formate nei tessuti o per un deficit muscolare.
    Continui pure la fisioterapia e se i dolori non diminuiscono, ne parli pure con il suo l'ortopedico.
    Saluti

  • #155

    sergio (sabato, 14 maggio 2011 13:21)

    Salve dottore,
    sono un ragazzo anziano di 43 anni e sono stato appena operato per la rottura totale tendine sovraspinato a destra. trattamento: decompressione subacromiale, riparazione parziale cuffia dei rotatori per via artroscopica.Ho capito che nei prossimi mesi dovro' adoperarmi ad una lunga riabilitazione e mi chiedevo: data la sua esperienza, in che percentuali mediamente sia l'operazione che la riabilitazione hanno un successo pieno, con il completo recupero di tutte le funzioni? Potro' tornare a suonare la mia batteria con disinvoltura?cosa piu importante il mio lavoro di giardiniere comporta una grossa mole di operato con le braccia..sara' il caso di cambiare mestiere??
    grazie.

  • #156

    luca (domenica, 15 maggio 2011 12:39)

    Buongiorno Dottore,
    a seguito di una caduta in moto il 28/3/11 mi sono procurato una "frattura composta al ciglio antero-inferiore della glena scapolare" nonchè "in corrispondenza della grande tuberosità omerale è presente una sottile rima di frattura transcondrale a decorso radiale con ampio edema midollare della adiacente trabecolatura spongiosa""
    Questa diagnosi è arrivata dopo quasi 1 mese dal trauma a causa di un'errata prima diagnosi del pronto soccorso. Da 15 gg (e quindi a 1 mese e mezzo dal trauma), su indicazione dell'ortopedico, sto effettuando:
    1) applicazioni di magnetoterapia (ho noleggiato l'apparecchio e lo utilizzo 2/3 di giorno e 8 ore di notte)
    2)un ciclo di antinfiammatori con Tauxib 90mg compresse.
    3)esercizi a casa di sollevamento del braccio anteriormente e lateralmente.

    Le scrivo perchè sono preoccupato: i progressi sono lentissimi e il dolore continua. Non so se forzare oltre la soglia del dolore anche perchè quando l'ho fatto per 1/2 sono ko.
    Inoltre mi chiedo se a distanza di 6 settimane è normale questo decorso o se, come temo, non sono stato consigliato correttamente dal punto di vista della riabilitazione e come mai non mi è stato subito indicato di rivolgermi a un fisioterapista (il mio ortopedico non ne ha ancora parlato...).

    Grazie in anticipo per i suoi consigli,
    luca

  • #157

    luca (domenica, 15 maggio 2011 12:44)

    Dimenticavo: quando sollevo il braccio (in qualsiasi direzione) la spalla lesionata (è la dx) rispetto alla sinistra presenta una "gobba" come se si muovesse in maniera solidale col resto dell'articolazione: è normale?

  • JimdoPro
    #158

    Antonio Siepi (martedì, 17 maggio 2011 19:42)

    @Sergio:
    Stia pure tranquillo che, con i protocolli adottati oggi sia per l'intervento che per la riabilitazione, la possibilità di recuperare la funzionalità della spalla e pressochè completa, a patto che segua un corretto iter riabilitativo. Succesivamente potrà dedicarsi tranqullamente alle sue attività quotidiane.
    Auguri.

  • JimdoPro
    #159

    Antonio Siepi (martedì, 17 maggio 2011 19:49)

    @luca:
    Purtroppo le devo dire che siamo molto indietro come tempistica di recupero, e quello che le ha consigliato l'ortopedico non è sufficente per accelerare la guarigione. Non conosco il motivo, per il quale l'ortopedico non l'ha inviato subito da un fisiatra o fisioterapista, ma al suo posto ascolterei anche un'altra campana...
    La "gobba" che avverte durante il movimento, è un compenso che sta adottando, durante il movimento dell'articolazione e che bisogna eliminare velocemente.
    Saluti

  • #160

    LucaP (giovedì, 19 maggio 2011 11:10)

    Buongiorno dottore,
    A seguito di Artro-RMN mi è stato diagnosticato un quadro di avulsione antero-superiore del cercine glenoideo, associato a lesione parziale del tendine del sovraspinato e segni di impatto posteriore della testa dell'omero.
    Devo ancora mostrare il referto all'ortopedico ma penso che sicuramente mi consiglierà l'operazione.
    Mi può dire quali sono le probabilità di recupero della funzionalità e una stima se possibile dei tempi di riabilitazione sia per quanto riguarda il ritorno ad una normale attività che il ritorno all'attività agonistica (palestra, pallavolo).
    Grazie

  • JimdoPro
    #161

    Antonio Siepi (sabato, 21 maggio 2011 16:06)

    @LucaP:
    Prima di ipotizzare dei tempi per la ribilitazione e meglio attendere la visita con lo specialista, per avere un quadro completo del trauma e del tipo di intervento che le propone.
    Mi faccia pure sapere.
    Saluti

  • #162

    Danilo Galli (martedì, 24 maggio 2011 19:27)

    Buongiorno Dott. Siepi, le vorrei esporre il mio problema, (spero di essere breve e di sapermi spiegare)Nel 2007 ho avuto un incidente stradale con conseguenza della rottura massiva della testa omerale, operato dopo 15 giorni con placca e dieci viti, purtroppo dopo un anno ho avuto un altra operazione perche la spalla sx e bloccata quasi totalmente (io faccio il cantoniere)in artroscopia per liberare le aderenze. La cartella clinica dice questo: capo lungo del bicipite assente- labbro glenoideo: presenza di abbondante tessuto cicatriziale anteriore popsteriore occupante occupante la cavita articolare gleno-omerale, legamenti gleno omerali:non riconoscibile,(cosa vuole dire Dottore) cuffia dei rotatori presente continua ma degenerata, superfici articolari: avanzato stadio di artrosi omarale grado 3 e 4 di O. con osteofiti intraarticolari Spazio sotto-acromiale: bursitico,presenza di mezzo di sintesi precedentemente impiantato. E questo e tutto. Le chiedo se e cosi gentile da spiegare con parole povere in che stato e la mia spalla, perche svolgo anche un lavoro pesante purtroppo. Penso che la prima operazione effettuata hanno fatto quello che era possibile. Comunque grazie per la sua disponibilita e la ringrazio anticipatamente per una sua risposta
    Buongiorno Danilo Galli

  • JimdoPro
    #163

    Antonio Siepi (giovedì, 26 maggio 2011 19:00)

    @Danilo Galli:
    Purtroppo non le posso dare delle buone notizie. Molto probabilmente, anche a causa del lavoro, era già in atto un processo degenerativo dei tessuti, che con l'incidente è peggiorato. Questo ha favorito anche l'instaurarsi di un marcato quadro artrosico, che con il tempo può solo peggiorare. Diciamo che la sua spalla, presenta tutte le caratteristiche per una eventuale protesi nel futuro. Nel frattempo, il consiglio che le posso dare, e di tenere sempre sotto controllo la funzionalità dell'articolazione, affidandosi ad un fiosioterapista che Le insegni degli esercizi da svolgere a domicilio e cercare, per quanto possibile, di non sovvracaricare la spalla nello svolgimento suo lavoro.
    Auguri.

  • #164

    Danilo Galli (venerdì, 27 maggio 2011 18:31)

    Grazie 1000 Dottor. Siepi per la preziosa e tempestiva risposta, io svolgo gia a casa degli esercizi dettati dal fisioterapista.
    Se posso chiedere ancora Dottore, all'ecografia mi hanno trovato la testa omerale risalita che va a scontrasi con l'acromion (spero di avere detto giusto), forse sono i legamenti gleno omerali che non esistono piu o perche alcuni muscoli di riscontro sono atrofizzati? Secondo la sua esperienza cosa e successo all'omero?(dichiaro che vorrei sapere solo la verita qualsiasi cosa e successo e nientealtro)
    Grazie ancora Dottor. Siepi
    Danilo Galli di Vercelli

  • JimdoPro
    #165

    Antonio Siepi (venerdì, 27 maggio 2011 20:41)

    @Danilo Galli:
    Esatto. La disfunzione dei muscoli della cuffia, associata alla perdita dei legamenti le ha provocato questa patologia nominata Sindrome del Conflitto Sub-Acromiale. La invito a consultare la sezione Articoli, dove c'è un bell'articolo che Le spiega molto chiaramente la biomeccanica e trattamento conservativo.
    Saluti.

  • #166

    Danilo Galli (sabato, 28 maggio 2011 19:32)

    GRazie ancora Dottor Siepi per la tempestiva risposta, comunque in parole povere io non ho piu i legamenti? come e possibile perderli dottore, magari un intervento chirurgico un po andato a male? ho possibilita di fermare la risalita della testa con una dovuta fisioterapia, anche senza legamenti? (nell'intervento ce scritto legamenti gleno omerali non riconoscibili, vuole dire che non ci sono piu)? mi scuso uleriormente per le mie domande, ma sono un po preoccupato per la salute e vorrei in qualche modo mantenere quello che rimane se possibile, ho letto il suo articolo ma come e possibile non avere piu i legamenti, quindi non ho piu speranza. grazie mille ancora Dottor Siepi
    Danilo Galli

  • #167

    sandro (mercoledì, 01 giugno 2011 21:13)

    Gent.mo Dr Siepi ho subito un intervento al tendine sovraspinoso per lesione, con tecnica di cruentazione. Ho 36 anni e il mio tono muscolare prima dell'operazione era in discrete condizioni; quali saranno i tempi per la riabilitazione passiva e poi attiva? che rischi può comportare un movimento azzardato da quando toglierò il tutore? Pratico corsa, nuoto, calcio, tennis e pallavolo, che tempi mi impone, considerata la mia impazienza, per ognuna di queste discipline? La rngrazio per la disponibilità
    Sandro Sgambati

  • JimdoPro
    #168

    Antonio Siepi (giovedì, 02 giugno 2011 11:22)

    @sandro:
    Il protocollo per un intervento al sovraspinoso prevede una moblizzazione passiva per le prime 3/4 settimane dall'intervento, una mobilizzazione attiva assistita per altre 4 settimane, per passare gradualmente ad un rinforzo muscolare fino al recupero completo funzionale della spalla.
    Per ricominciare a praticare tennis o pallavolo, saranno necessari fino ai 6/8 mesi di riabilitazione. Potrà iniziare a nuotare dopo il 3/4 mese in maniera graduale.
    Per cui, si armi di una buona dose di pazienza e Le auguro una pronta guarigione.
    Saluti.