sito web

Per essere sempre aggiornato sulle nuove attività, iscriviti alla nostra Newsletter.

Pubblicità

Linee guida per chiedere un consulto.pdf
Documento Adobe Acrobat 30.7 KB
Linee guida web 2.0.pdf
Documento Adobe Acrobat 36.2 KB
Top 10 Netiquette.pdf
Documento Adobe Acrobat 50.0 KB

Sito Creato Marzo 2009

Ultimo Aggiornamento

09 Febbrario 2014

La Capsulite Adesiva o Spalla congelata

 Antonio Siepi

Dottore in Fisioterapia

 

 

La Capsulite Adesiva è caratterizzata da un’importante perdita di mobilità attiva e passiva della spalla, imputabile ad un processo infiammatorio con conseguente formazione di aderenze tra capsula e collo anatomico dell’omero. Il volume articolare si riduce a meno di 10-12ml (normalmente e pari a 20ml).

Per la diagnosi di “spalla congelata” non esistono criteri diagnostici universalmente riconosciuti; i seguenti parametri sono comunque accettati dalla maggior parte degli specialisti:

Fig.A Notare la differenza tra le due spalle
Fig.A Notare la differenza tra le due spalle
  • Ridotta mobilità gleno-omerale e desincronizzazione della mobilità del cingolo scapolo-omerale

 

 

  • Ridotta elevazione (meno di 135°) Fig.A
Fig.B
Fig.B
  • Ridotta rotazione esterna del 50-60% dei valori normali Fig.B
Fig.C
Fig.C
  • Rotazione interna molto limitata ( la mano non arriva ai processi spinosi di L5-S1) Fig.C

Le normali proiezioni radiografiche solitamente non evidenziano lesioni. L’artografia di spalla è da considerarsi l’esame fondamentale per la diagnosi di tale patologia. Non deve però essere considerato un esame di routine, in quanto invasivo, ma va consigliato dall’ortopedico in caso di significatività all’anamnesi o all’esame clinico.

 

La “Spalla congelata” viene considerata primaria, quando ha un esordio spontaneo; è secondaria quando è imputabile a una qualche condizione patologica (per es.trauma della spalla, frattura dell’omero, ecc)

La sintomatologia tipica di una spalla congelata primaria è suddivisa in tre fasi:

 

1.      Fase dolorosa (fase di congelamento)

  •  Durata 2-9 mesi
  •  Dolore ingravescente diffuso di spalla, perdita graduale dell’articolarità gleno-omerale
  •  Impotenza funzionale progressiva a carico dell’arto interessato

2.      Rigidità

  •  Durata 4-12 mesi
  •  Importante limitazione articolare, con perdita dell’extrarotazione, intrarotazione e abduzione

3.      Fase di scongelamento

  • Durata altamente variabile
  •  Recupero graduale del movimento.

 

Trattamento e protocollo riabilitativo

L’iter per una corretta riabilitazione prevede:

 

1.       Step

a.       Infiltrazione subacromiale  di Marcaina (per la distensione capsulare ed anestesia locale) e Kenacort ( a scopo antiflogistico) , da parte dello specialista.

b.      Mobilizzazione passiva della spalla, entro 12h dall’infiltrazione, sino al recupero dai 30° ai 60°, in elevazione ed abduzione.

 

2.       Step

a.        Esercizi di streching(per 3 volte alla settimana) in acqua calda (32°) su tutti i piani di movimento, in particolare per il recupero dell’extrarotazione. Questa fase può durare dalle 3 alle 5 settimane.

b.      Successivamente, il paziente può iniziare a seguire un programma di potenziamento muscolare nei limiti imposti dall’articolarità recuperata. Questa fase è altamente variabile.

 

3.       Step

a.       In genere la riabilitazione si sospende quando si raggiungono i 150° di elevazione anteriore, i 45° di extrarotazione e l’intrarotazione a livello del 12° processo spinoso toracico. Ma comunque il paziente deve continuare ad eseguire gli esercizi che gli verranno insegnati per 5 minuti per 2 volte al giorno, per un periodo di almeno 3 mesi.

 

Gli obiettivi del trattamento riabilitativo sono il controllo della sintomatologia dolorosa ed il recupero della articolarità della spalla. Il trattamento dipende dall’esame clinico e dalla stadio della patologia al momento della diagnosi; viene continuamente modificato in relazione alla risposta del paziente al trattamento seguito.

 

Bibliografia:

S.Brent Brotzaman: Riabilitazione in Ortopedia e Traumatologia 1988

Andrews JR, Willk KE : The athlete’s Shoulder  1995

Binder AI et al : Frozen shoulder: a long-term prospective study  1984

Craig EV: Total shoulder replacement 1988

Culhaman E, Peat M: Functional anatomy of the shoulder complex; J Orthop Sports Phys Ther 18:1 1993

Leffert RD: The frozen shoulder, Instr Course Lect 34:19 1985

Lloyd JA, Lloyd Hm : Adhesive capsulitis of the shoulder, South Med 1983

Rockwood CA, Matsen FA: The Shoulder 1990


Data creazione pagina 09 Settembre 2009