sito web

Per essere sempre aggiornato sulle nuove attività, iscriviti alla nostra Newsletter.

Pubblicità

Linee guida per chiedere un consulto.pdf
Documento Adobe Acrobat 30.7 KB
Linee guida web 2.0.pdf
Documento Adobe Acrobat 36.2 KB
Top 10 Netiquette.pdf
Documento Adobe Acrobat 50.0 KB

Sito Creato Marzo 2009

Ultimo Aggiornamento

09 Febbrario 2014

Tenosinovite di De Quervain

Antonio Siepi

Dottore in Fisioterapia

 

Premessa

 

È la più frequente delle lesioni da sovraccarico che interessano il polso; compare spesso in individui che usano normalmente una presa di forza associata a un’inclinazione ulnare del polso (come nel servizio del tennis).

Fig.1
Fig.1

La lesione avviene per un’infiammazione intorno alla guaina tendinea dell’abduttore lungo del pollice (ALP) e dell’estensore breve del pollice (EBP) nel primo compartimento.(Fig.1)

I sintomi tipici sono il dolore e la dolorabilità localizzati sulla faccia radiale del polso (sopra il primo compartimento dal lato dorsale).

 

Fig.2
Fig.2

Il test di Finkelstein permette la diagnosi di tenosinovite di De Quervain . Con questo test si provoca uno stress su ALP ed EBP ponendo un pollice nel palmo di una mano chiusa a pugno e poi deviando ulnarmente il polso.(Fig.2) Un de Quervain modesto si può presentare con il solo dolore all’estensione contro resistenza della MCF del pollice.

Le altre cause possibili di dolore nella categoria del“dolore radiale dorsale” comprendono:

• Un’artrosi della CMC del polso – sono presenti dolore e crepitii con il test “crank and grind” del pollice.

Questo test consiste nell’applicazione di una pressione assiale sul pollice durante la palpazione della prima CMC (il test è positivo solo nell’artrosi della CMC del pollice. Sia nel de Quervain sia nell’artrosi della CMC del pollice il test di Finkelstein può essere positivo,mentre il test “crank and grind” è positivo solo nell’artrosi dell’articolazione basale [CMC] del pollice).

• Frattura dello scafoide – dolorabilità nella tabacchiera anatomica.

• Frattura dello chauffeur – frattura della stiloide radiale.

• Sindrome dell’intersezione – dolore e dolorabilità più prossimali

 

Trattamento conservativo

 

Per immobilizzare i tendini del primo spazio dorsale viene utilizzato un bendaggio embricato del pollice con un tutore  in commercio o, in base all’agio del paziente,un’ortesi modellata su misura in Orthoplast. Il tutoretiene il polso a 15-20° di estensione e il pollice a 30° di abduzione radiale e palmare. La IF viene lasciata libera e viene incoraggiato il movimento dell’articolazione. Il paziente indossa il tutore di giorno per le prime 2 settimane e di notte fino alla successiva visita in ambulatorio, generalmente a 6-8 settimane: il tutore può essere tenuto più a lungo, a seconda della risposta al trattamento. Può essere rimosso durante il giorno se i sintomi lo consentono e le attività quotidiane vengono riprese gradatamente. Anche le attività lavorative vengono autorizzate gradatamente. Si possono prendere in considerazione altre misure:

• Un’iniezione di corticosteroidi nella guaina, da parte dello Specialistapuò essere praticata nel paziente con dolore da moderato a netto o con sintomi che durano da oltre 3 settimane. L’iniezione deve distendere individualmente le guaine dell’ALP e dell’EBP. I disturbi dopo l’iniezione sono variabili: variabili:si raccomanda la somministrazione di un leggero analgesico per 2-3 giorni.

• Per le prime 6-8 settimane di trattamento di solito vengono prescritti FANS.

• L’uso del pollice viene limitato in modo che i tendini del primo compartimento dorsale siano a relativo riposo.Vengono evitate le attività che implicano una flessione prolungata del pollice, la pinza o movimenti ripetitivi.

• Per il controllo dell’edema  e del dolore, può applicate sedute di Tecarterapia, in modalità Resisitiva sulla zona infiammata

• Massaggio Trasverso Profondo sui tendini dell’Abduttore Lungo del Pollice e dell’Estenore Breve del Pollice.Vengono incoraggiati cauti movimenti attivi e passivi  del pollice, 5 minuti ogni ora per evitare le retrazioni articolari e le aderenze tendinee.

 

Bibliografia

 

Edwards EG: deQuervain.s stenosing tendo-vaginitis at theradial styloid process. South Surg 16:1081, 1950.

 

Jackson WT, et al: Anatomical variations in the Þrst extensorcompartment of the wrist. J Bone Joint Surg 68A:923, 1986.

 

Minamikawa Y, Peimer CA, Cox WL, Sherwin FS: deQuervain.s syndrome: surgical and anatomical studies of the Þ-broosseous canal. Orthopaedics 14:545, 1991.

 

Strickland JW, Idler RS, Creighton JC: Hand clinic deQuervain.s stenosing tenovitis. Indiana Med 83(5):340, 1990.

 

Totten PA: Therapist.s management of deQuervain.s disease.In Hunter JM (ed): Rehabilitation of the Hand, Surgery and Therapy. St. Louis, Mosby, 1990.

 

S.Brent Brotzman: Riabilitazione in Ortopedia e Traumatologia. 1988

 


Data creazione pagina 09 Maggio 2010