sito web

Per essere sempre aggiornato sulle nuove attività, iscriviti alla nostra Newsletter.

Pubblicità

Linee guida per chiedere un consulto.pdf
Documento Adobe Acrobat 30.7 KB
Linee guida web 2.0.pdf
Documento Adobe Acrobat 36.2 KB
Top 10 Netiquette.pdf
Documento Adobe Acrobat 50.0 KB

Sito Creato Marzo 2009

Ultimo Aggiornamento

09 Febbrario 2014

Commenti su Esercizi di riabilitazione della spalla pag.3

Data creazione pagina 30 Gennaio 2012

Commenti: 77 (Discussione conclusa)
  • #1

    adriana vanorio (mercoledì, 22 febbraio 2012 17:12)

    Gent. Dott. due anni fa ho subito intervento alla cuffia dei rotatori spalla dx. Dieci gg. fa ho subito la lussazione della spalla, sempre dx da caduta rovinosa, mi è stato prescritto il tutore per 20/gg.all'avanbraccio non ho molto sensibilità, ritiene sia normale? E' possibile che possa essere inficiato il pregresso intervento? Quando si può praticare una RMN per conoscere lo stato delle cose. Molte grazie. Ah dimenticato ho 63 anni. ancora grazie

  • #2

    doris (sabato, 25 febbraio 2012 17:28)

    gent.dott mercoledi 22 febbraio ho avuto un'intervento di decompressione sub-acromiale artroscopica e borsectomia e tenotomia del cbl e asportazione della calcificazione periarticolare.le chiedo se posso gia' fare gli esercizi che lei consiglia o devo stare in riposo ancora un po'. non sento dolore tranne quello naturale dell'operazione, gia' muovo il braccio, temo di esagerare coi movimenti..mi dica.

  • #3

    Antonio Siepi (domenica, 26 febbraio 2012 20:08)

    @adriana vanorio:
    Purtroppo subire una lussazione su una spalla già operata di ricostruzione della cuffia, può aumentare la probabilità che si sia procurata una nuova lesione.
    Attendiamo il referto della RM, che potrà farla alla rimozione del tutore, e speriamo che sia negativa.
    Auguri
    Auguri.

  • #4

    Antonio Siepi (domenica, 26 febbraio 2012 20:12)

    @doris:
    Gli esercizi proposti sono indicati solo per la ricostruzione della cuffia, e quindi non utili al suo caso.
    Per il momento stia ancora qualche giorno a riposo e poi dovrà essere seguita da un fisioterapista per cominciare della riabilitazione adatta al suo recupero.
    Saluti.

  • #5

    Lorenz (domenica, 01 aprile 2012 21:50)

    Gentile Dott. Siepi sono un ex nuotatore agonista, da qualche mese avverto fastidio e debolezza alla spalla destra. Ho effettuato una RM dalla quale risulta un aumento dello spessore della cuffia dei rotatori per tendinosi del tendine sovraspinato e sottoscapolare; una tenesinovite del TCLB e una lieve sublussazione della testa omerale. Gli esercizi da lei consigliati possono essermi utili in attesa di una visita dal fisioterapista? Grazie

  • #6

    Gabriele martedi 03/04/2012 (martedì, 03 aprile 2012 19:38)

    Gent.mo Dott. Siepi il 13 marzo sono stato sottoposto in artoscpia alla spalla sx dolorosa cronica.Lettera di dimissioni:sotura cuffia spalla sx con punti "side-to-side",tenotomia capo lungo bicipite,pulizia art. acromion-claveare sec. mumford in artoscopia.Sono preuccupato perchè quando levo il tutore o delle fitte insoportabile e normale? Grazie

  • #7

    antonia (domenica, 08 aprile 2012 19:48)

    Gent.mo Dott.Antonio,sono un'insegnante di Ed.Fisica di 58 anni,appassionata di orto e giardino. Sono stata operata il 14/11/2011 di tenodesi dinamica del capo lungo bicipite sec Castagna e riparazione cuffia spalla dx(sovraspinato) con ancora Threvo, in artroscopia,in lesione di tipo "pasta" cuffia rotatori. Pur continuando con esercizi di fisioterapia, ad oggi, ho recuperato quasi completamente la mobilità del braccio, ma persiste sempre dolore, localizzato soprattutto nella parte anteriore della tsta dell'omero, dolore che si accentua di notte e persiste al risveglio con difficoltà nel vestirmi. E'normale questo quadro sintomatico dopo quasi 5 mesi dall'intervento? Devo insistere con gli esercizi anche in presenza di dolore? Trovo sollievo con doccia molto calda sulla spalla. Devo prendere antinfiammatori se persiste dolore? Sono tornata a scuola a metà marzo e da allora ho ripreso al 100% la mia normale attività lavorativa (scuola-casa-orto):è esagerato? La ringrazio per ogni suo prezioso contributo.

  • #8

    Antonio Siepi (lunedì, 09 aprile 2012 15:48)

    @Lorenz:
    In presenza di una tendinite della cuffia, ci sono altri esercizi terapeutici da effettuare che Le consiglierà il suo fisioterapista. Successivamente, quando avrà recuperato bene la funzionalità della spalla e in assenza di dolore, potrà svolgere gli esercizi attivi, di potenziamento, consigliati nel video.
    Saluti.

  • #9

    Lorenz (martedì, 10 aprile 2012 11:07)

    Dottore la ringrazio per la risposta (al post N°5) e approfitto ancora della sua preziosa disponibilità per chiederle: che differenza c'è tra tendinite e tendinosi e quale delle due è più grave? Inoltre, potrò una volta recuperata la funzionalità della spalla tornare a fare attività agonistica? O c'è il rischio che la lieve sublussazione si aggravi?
    La saluto e la ringrazio ancora.

  • #10

    Antonio Siepi (mercoledì, 11 aprile 2012 19:22)

    @antonia:
    Se Lei mi dice che con il caldo trova sollievo, probabilmente si tratta solo di qualche aderenza della fascia, post-intervento, che provoca il dolore.
    Provi la sera, prima di andare a letto, a fare degli impacchi con la borsa dell'acqua calda. Se in questo modo, non riuscisse a risolvere il problema al 100% allora dovrà rivolgersi ad un fisioterapista per un trattamento manuale mirato a sciogliere questa aderenza.
    Per quando riguarda i tempi di rientro, alle sue attività di vita quotidiana, siamo nella norma.
    Saluti.

  • #11

    Antonio Siepi (mercoledì, 11 aprile 2012 19:35)

    @Gabriele:
    Durante il decorso post-operatorio è normale avere del dolore. Per esperienza Le posso dire che varia molto da persona a persona per una serie di fattori psico-biologici, ma è sempre presente in maniera più o meno intenso.
    Abbia ancora un po' di pazienza.
    Le posso assicurare quando inizierà la riabilitazione il dolore andrà affievolendosi.
    Auguri.

  • #12

    mario (giovedì, 12 aprile 2012 17:35)

    salve volevo dirle dopo varie visite tipo rnm rx spalla dx motivo brutta caduta giocando a calcio l ultimo esame mi dice:Calcificazione nelle parti molli in prossimità dell acromion. Conservati i rapporti articolari della spalla. Non alterazioni ossee strutturali focali nè rime di fratture in atto. Il tenore calcico è regolare. Se può darmi indicazioni la ringrazio anticipatamente a presto saluti

  • #13

    mario (giovedì, 12 aprile 2012 18:19)

    mi scusi sono n 12 volevo dirle che son caduto circa un mese mezzo fa e ancora faccio fatica sollevare braccio limitato in alcuni movimenti può servire terapia o devo fare altro scusi ma non sono bravo a scrivere la ringrazio cordiali saluti

  • #14

    Antonio Siepi (sabato, 14 aprile 2012 16:27)

    @lorenz:
    Per tendinite si intende uno stato infiammatorio acuto del tendine che provoca dolore, debolezza e impotenza funzionale della parte lesa. Mentre la tendinosi corrisponde ad una degenerazione del tendine, non necessariamente dovuta ad una tendinite, ma piuttosto a lesioni passate, movimenti usuranti e di solito non provoca forte dolore. Entrambi sono curabili e potrà ritornare a nuotare; l'importante è correggere lo squilibrio muscolare che, probabilmente, si è creato nel tempo.
    Saluti.

  • #15

    Alessandro (domenica, 15 aprile 2012 17:59)

    Gent.mo dott. Siepi, le chiedo cortesemente un parere su di un mio assillante dubbio. La rmn ha evidenziato una rottura a tutto spessore del sovraspinato con gap tra i monconi di 12 mm. (effettuata in data 20/01/2012). Sono in attesa di intervento riparatorio ma la lista di attesa è di circa 7/8 mesi (sarò operato a settembre). La mia paura è che nel frattempo il tendine si ritiri in maniera irreversibile e la riparazione non riesca in maniera definitiva senza rischi di ulteriori rotture. Dimenticavo, ho 49 anni e pratico sport. Grazie anticipatamente per la disponibilità. Alessandro

  • #16

    Lorenz (lunedì, 16 aprile 2012 21:30)

    La ringrazio per la chiara risposta.
    Cordiali saluti

  • #17

    Antonio Siepi (mercoledì, 18 aprile 2012 18:54)

    @mario:
    Dalla RM non si evidenzia nessuna lesione muscolo-tendinea o articolare, quindi la difficoltà nel muovere il braccio potrebbe essere dovuta ad uno spasmo dei muscoli della cuffia causato dalla caduta. La fisioterapia è molto utile in questi casi per recuperare la funzionalità perduta e ripristinare il corretto movimento articolare.
    Auguri

  • #18

    Antonio Siepi (mercoledì, 18 aprile 2012 19:11)

    @Alessandro:
    In effetti 8 mesi è un periodo abbastanza lungo, ma se l'ortopedico l'ha messa in lista, senza particolare urgenza, non ci dovrebbero essere complicazioni. Comunque la invito a consultare nuovamente lo specialista per dissipare ogni dubbio.
    Saluti

  • #19

    mario (giovedì, 19 aprile 2012 19:05)

    la ringrazio mi sono messo in lista per fare fisioterapia cordiali saluti

  • #20

    Alessandro (domenica, 22 aprile 2012 12:08)

    Grazie per la risposta, mi ero dimenticato di chiederle se in questi mesi kin attesa dell'intervento posso fare qualcosa per alleviare il dolore notturno che moi impedisce di riposare. Sto effettuando fisioterapia (potenziamento della spalla e stretching) e nuoto una volta a settimana ma purtroppo devo continuare il mio lavoro che comporta l'uso del braccio anche per sforzi di una certa rilevanza (sono metalmeccanico). Grazie mille ancora per la gentilezza.

  • #21

    Antonio Siepi (giovedì, 26 aprile 2012 19:48)

    @Alessandro:
    Provi la sera a fare degli impacchi di ghiaccio, di 10 minuti, sulla zona interessata per 3-4 volte.
    La palestra va benissimo, per non perdere tono muscolare, ma col nuoto avrei qualche dubbio, dato che sollecita molto la cuffia dei rotatori durante la bracciata, e questo potrebbe aumentare il dolore.
    Si prenda qualche settimana di pausa dal nuoto, e poi valuta come la spalla risponde.
    Saluti

  • #22

    luca (lunedì, 07 maggio 2012 18:33)

    Buongiorno dottore ho 42 anni
    circa 2 anni fa ho subito un trauma alla spalla destra per una caduta in moto, dopo qualche mese di vari dolori ho eseguito una ecografia dove non si evidenziava alcuna lesione. Dopo varie visite da fisiatra e ortopedico ho eseguito in sequenza ionoforesi senza risultati apprezzabili, lo stesso con onde d'urto e infine con infiltrazioni, dopo qualche mese e fino ad oggi il dolore è aumentato e si è spostato. adesso sono in cura con un'altro ortopedico e mi ha consigliato una RNM CON CONTRASTO, di seguito il referto :
    le sequenze sono state effettuatedopo iniezione articolare fisiologica che detrmina una buona distensione capsulare.
    assottigliato e dismogeneo di significato irritativo cronico il sovraspinoso, ove a livello del tratto snt.presenta piccola calcificazione, in assenza di lesioni a tutto spessore.
    non evidenti alter.degli elem.muscolo-tendineidella cuffia dei rotatoriche hanno buon trofismo.
    l'ampiezza dello spaziosubacromiale è ridotta per conformazione arcuatadell'arco. 4 piccole calcificazioni nella guaina del capolungo del bicipite,che appare dismogeneo ed ispessito presso la sua inserzione alla glena, per tenosinovite cronica.minima quota di trasudato distende la borsa subacromion deltoidea.chiedo un consiglio.. come si dice, "non so più che pesci prendere..."
    la ringrazio anticipatamente.
    Luca

  • #23

    Antonio Siepi (domenica, 13 maggio 2012 16:51)

    @luca:
    Dalla RM non si evidenziano lesioni a carico dei tendini o legamenti, quindi probabilmente il dolore che sente è di natura meccanica. Il trauma che ha avuto due anni fa ha creato uno squilibrio muscolo-articolare che è peggiorato col tempo.
    Le terapie che ha fatto sono servite per ridurre lo stato infiammatorio, ma adesso dovrà fare una riabilitazione combinata di terapia manuale, per il recupero dell'escursione articolare ed esercizi di rinforzo terapeutici per il recupero del controllo e della forza muscolare.
    Saluti
    Ssluti

  • #24

    Filippo (martedì, 22 maggio 2012 08:55)

    salve dottore, l'altro ieri in seguito a una caduta avvenuta in un partita di calcio, ho avuto una leggera sublussazione dell'acromion claveare! ade mi hanno detto di portare il tutore relativo per 30 gorni! ma lo devo portare anche quando dormo?!? dopo i 30 giorni la spalla sarà guarita??
    Saluti

  • #25

    Antonio Siepi (venerdì, 25 maggio 2012 07:41)

    @Filippo:
    Si certo. Il tutore va portato anche di notte. Può essere rimosso per breve tempo, per la cura dell'igiene ma poi va rimesso.
    Essendo una sub-lussazione, la guarigione è abbastanza rapida però consideri che in questo periodo ci può essere un calo del tono muscolare e rigidità post-immobilizzazione, quindi è sempre utile fare un ciclo di riabilitazione per recuperare più velocemente la funzionalità della spalla.
    Auguri.

  • #26

    Filippo (domenica, 27 maggio 2012 07:40)

    scusi dottore, ma è normale che dopo una settimana mi faccia ancora molto male??
    Saluti

  • #27

    gianluca (mercoledì, 30 maggio 2012 17:17)

    SALVE 10 GIORNI FA IN SEGUITO A UNA CADUTA HO AVUTO UNA SUBLUSSAZIONE DELL'ACROMION CLAVEARE,MI HANNO CONSIGLIATO L'USO DI UN TUTORE! E' NORMALE CHE DOPO 10 GIORNI DI TUTORE ANCHORA MI FACCIA MOLTO MALE E CHE NON RIESCA TIRARE SU IL BRACCIO?

  • #28

    Antonio Siepi (mercoledì, 30 maggio 2012 21:47)

    @Filippo:
    Si è normale. Per questo deve portare il tutore per 30 giorni. Penso che Le hanno prescritto degli antidolorifici, li prenda pure al bisogno.
    Saluti

  • #29

    Costanza Ferrari (venerdì, 01 giugno 2012 14:23)

    Buongiorno, ho 49 anni, a febbraio nuotando sul dorso in piscina ho forzato il movimento spingendo il braccio molto indietro e "pescando" troppo profondamente con la mano per concludere il movimento. Dopo un mese di dolore che compariva solo facendo alcuni movimenti (tipo infilarsi il maglione) mi sono risolta a consultare il fisioterapista che ha riscontrato infiammazione della cuffia dei rotatori e sindrome da conflitto. Dopo varie sedute settimanali di FKT andava tutto molto meglio quando mi sono fatta male slanciando il braccio per fare un salto in spiaggia. IL fisioterapista mi ha consigliato di farmi prescrivere una risonanza per vedere se ci sia un problema alla capsula, e il medico mi ha detto che occorre escludere una lesione al tendine, per la quale occorrebbe un intervento. Sono molto preoccupata da questa prospettiva e mi chiedo se sia possibile procurarsi una lesione con così poco. Intanto aspetto di fare la risonanza. Grazie.

  • #30

    Antonio Siepi (sabato, 02 giugno 2012 15:08)

    @gianluca:
    Come riportato nel post precedente, è normale avere ancora dolore dopo 10 giorni dal trauma con difficoltà ad alzare il braccio. Stia a riposo e se Le hanno prescritto degli antidolorifici li prenda pure al bisogno.
    Saluti.

  • #31

    Antonio Siepi (lunedì, 04 giugno 2012 23:29)

    @Costanza Ferrari:
    Cosa intende per "slanciando il braccio per fare un salto in spiaggia"? E caduta? Ha avuto uno strappo alla spalla?

  • #32

    Costanza (martedì, 05 giugno 2012 10:23)

    No, non sono caduta. Facendo una corsetta per saltare, le braccia hanno accompagnato naturalmente il movimento. Ho sentito molto dolore alla spalla che era già dolente. IL fisioterapista mi ha rivista ieri e pensa che sia una capsulite.

  • #33

    Antonio Siepi (venerdì, 08 giugno 2012 20:01)

    @Costanza:
    Ho capito. Probabilmente si è trattato di uno stiramento, della capsula o dei legamenti, su di una spalla già dolente. Sinceramente escluderei una lesione al tendine, ma faccia pure la RM per avere un quadro più chiaro del suo problema.
    Saluti

  • #34

    CARLO (giovedì, 28 giugno 2012 10:12)

    sono stato operato venerdi 22/06/12 rotatori spalla sx (io sono destro) lesione completra sovraspinato e parziale dello scapolare.
    ora mi dicono devo fare tre settimane di tutore, che sto portando anche di notte (10°).
    la domanda è . piche dovrei recarmi negli USa per lavoro il giorno 15/07/12 per 4 giorni come posso conciliare l'inizio della riabilitazione.
    esercizi da fare solo ? in albergo?
    e dopo ? ho scaricato la sua pubblicazione degli esercizi domiciliari, va bene ?
    grazie 1000 per un consiglio
    carlo

  • #35

    friggeris@gmail.com (giovedì, 28 giugno 2012 19:24)

    Salve Dottore
    Una settimana fa ho fatto un intervento di sutura tendine sosp per ampia lesione..mi chiedevo se durante o 20 gg di tutore possono verificarsi problemi di ri distacco per piccoli movimenti a scatto involontari es. starnuti violenti o movimenti con l'avambraccio che sembra facciano muovere i muscoli spalla..anche se devo dire l'arto mi pare ben bloccato grazie

  • #36

    Antonio Siepi (giovedì, 28 giugno 2012 19:28)

    @friggeris@gmail.com:
    Stia tranquillo, con l'arto bloccato nel tutore è impossibile che si verifichi un distacco del tendine, anche se starnutisce violentemente o muove un po' l'avambraccio.
    Saluti.

  • #37

    Antonio Siepi (domenica, 01 luglio 2012 19:54)

    @CARLO:
    Se proprio non ha la possibilità di iniziare prima la riabilitazione, può effettuare solo i primi 4 esercizi che scaricato. Gli altri prevedono una progressione nel tempo, che deve essere il fisioterapista, che la seguirà, ad indicarLe quando farli. Mi raccomando di seguire le indicazioni; gli esercizi vanno fatti in maniera cauta e senza avvertire forti dolori durante l'esecuzione.
    Auguri.

  • #38

    lucia (martedì, 03 luglio 2012 14:38)

    Buongiorno gent.mo dott. Siepi, Le chiedo cortesemente un parere su di un grosso dubbio che mi assilla. Devo essere operata per la riparazione del tendine sovraspinato, ed ho consultato due illustri chirurghi della spalla. Il primo mi applicherebbe un gel piastrinico (fattori di crescita) che a suo dire dimezzerebbero i tempi di recupero da quattro a due mesi circa e ridurrebbero il dolore in maniera importante. Il secondo, (Castagna),lo eseguirebbe con artroscopia tradizionale in quanto non ritiene veritiera o quantomeno non scientificamente confermata tale tesi. In quanto esperto nella riabilitazione come Lei mi consiglia di indirizzarmi? La ringrazio tanto della disponibilità.

  • #39

    Antonio Siepi (domenica, 08 luglio 2012 17:36)

    @lucia:
    La riparazione artroscopica della cuffia dei rotatori è una tecnica ormai diffusa, e che in una percentuale superiore all'85% dei casi, è seguita da risultati clinici soddisfacenti. Negli ultimi anni sono stati eseguiti studi sull'uso del gel piastrinico nella riparazione della cuffia al fine di apportare i fattori di crescita a livello della sutura del sovraspinoso.
    I dati che sono emersi sono incoraggianti sia per la riduzione della sintomatologia algica che per i tempi di recupero che si abbassano notevolmente.
    L'unica controindicazione è legata alla spesa, abbastanza alta, che la metodica comporta rispetto all'intervento tradizionale.
    Io stimo molto il Dott. Castagna, è un eccellente chirurgo della spalla, ma dall'altra parte abbiamo anche dei dati che confermano la validità della tecnica col gel piastrinico, per cui sinceramente non saprei quale scelta consigliarle se non quella che Le ispira più fiducia per una guarigione rapida è completa della spalla.
    Auguri.

  • #40

    Cristina (domenica, 05 agosto 2012 13:36)

    Salve dott.Sepi sono una ragazza di 21 anni che fino a un anno fa praticava pallanuoto (ruolo portiere ) a livello agonistico (da 7 anni ) a gennaio del 2011 facendo un movimento sbagliato in palestra ho accusato un certo dolore alla spalla destra.Avevo il campionato di serie A2 in corso e ho trascurato questo dolore;ho eseguito un'ecografia ma non si vedeva nulla, subito dopo una risonanza magnetica nella quale c'era scritto presunta slap lesion.Ho dovuto fare risonanza magnetica con contrasto per sapere definitivamente la causa del dolore: SLAP LESION 2-3 GRADO.Ho fatto due cicli di fisioterapia uno proprio finito due mesi fa ai quali ho associato anche la posturale.Nel primo ciclo di fisioterapia affrontato l'estate scorsa ho usato vari macchinari tra cui le onde d'urto.Mi sono fatta visitare da diversi ortopedici che mi hanno subito detto che le ipotesi erano due,o mi operavo o convivevo con questo diciamo fastidio.Parlo ora di fastidio in quanto se non sottopongo il braccio a grandi sforzi come facevo prima in allenamento in realtà non ho dolore.Ho smesso di giocare ed effettivamente nei movimenti giornalieri non ho fastidio ne dolore.Le volevo gentilmente chiederle un suo parare e consiglio .
    Grazie per la disponibilità.
    Cristina

  • #41

    Antonio Siepi (sabato, 01 settembre 2012 16:49)

    @Cristina:
    Tutto dipende da quali sono le sue aspettative. Se vuole continuare a giocare, Le consiglio di sottoporsi all'intervento. Nel caso contrario, potrebbe convivere con una lesione del cercine (SLAP), ma deve sapere che non ha una spalla funzionale al 100%, e quindi deve tenere sotto controllo i movimenti estremi e mantenere sempre tonica la muscolatura della spalla per evitare, nel futuro, l'instaurarsi di una instabilità.
    Saluti

  • #42

    carla (giovedì, 13 settembre 2012 15:56)

    Buongiorno dottore
    Sono una donna di 70 anni di buonissima salute, 4 mesi ho inciampato e sono caduta, non ho battuto con nessuna parte del corpo, ma ho affrontato tutto il peso della caduta con il braccio destro. Ho fatto una radiografia alla spalla e l'ortopedico ha detto che ero infiammata in toto e mi ha consigliato antinfiammatori ghiaccio e riposo. Dopo 3 mesi i dolori non diminuivano ho fatto una ecografia e mi hanno detto che ho una lacerazione del tendine del sovraspinoso della spalla destra. Ora io le chiedo c'è possibilità di guarigione? cosa dovrei fare? mi scusi ma ho appuntamento solo fra 20 gg. con l'ortopedico ed io non so come regolarmi: devo muovere il braccio? stare immobile? come devo affrontare i dolori?? grazie lo so che non sono stata chiara ma spero di avere da lei una risposta in merito, Grazie mille. Carla

  • #43

    Antonio Siepi (domenica, 16 settembre 2012 12:40)

    @carla:
    Una lacerazione del sovraspinoso, è una condizione abbastanza frequente nel tipo trauma da Lei riportato. Prima di parlare di cure o terapie, io credo che l'ortopedico le farà fare una RM per valutare lo stato del tendine ed il grado di lesione.
    L'esame ecografico ci può dare delle indicazioni, ma non è preciso e affidabile come una RM.
    Nel frattempo stia a riposo, non sforzi il braccio soprattutto sui movimenti superiori ai 90° ( tipo pettinarsi, ecc), non sollevi oggetti pesanti e continui con la terapia farmacologica, consigliata dal medico, al bisogno.
    Auguri.

  • #44

    carla (martedì, 18 settembre 2012 11:39)

    Buongiorno dottore, la ringrazio tantissimo della sua risposta non mi aspettavo tanta sollecitudine.
    Ora le dico la risposta esatta dell'ecografia perchè purtroppo io soffro di claustrofibia
    e non riesco a fare la RM.
    AL 3° medio del tendine del sovra spinato è apprezzabile ampia falda liquida che depone per rottura completa. Distensione fluida della guaina della borsa sub-acromio deltoide.
    In sede il capolungo del bicipite che dimostra distensione della sua guaina sinoviale.
    Dottore la ringrazio se vorrà darmi ulteriori indicazione a cosa dovrei fare e come comportarmi perchè purtroppo il dott. Giusti che mi sta seguendo è in ferie e mi hanno dato appuntamento per metà ottobre! Le chiedo ancora una cosa, se non riesco a fare la RM che altro tipo di esame dovrei fare? una TAC sarebbe sufficiente?
    E' la prima volta che mi rivolgo ad un specialista tramite internet, e mai avrei creduto di ricevere una risposta e sopratutto con tanta sollecitudine! Grazie grazie mille, Carla

  • #45

    carla (giovedì, 20 settembre 2012 18:00)

    Buongiorno dottore
    volevo solo dirLe che sono riuscita a prendere appuntamento per una RM aperta e perciò potrò farla, poichè la RM è più affidabile così come Lei stesso mi ha detto.
    Appena avrò l'esito la disturberò ancora, sperando nella sua disponibilità. Grazie mille
    Carla

  • #46

    Dina (domenica, 23 settembre 2012 17:23)

    Il mese di maggio scorso ho subito un infortunio inciampando quindi cadendo in avanti lateralmente sulla spalla DX.
    Come consigliato dall'ortopedico e fisiatra ho eseguito ciclo di tecarterapia, ultrasuoni e sedute di kinesiterapia passiva e attiva.
    Purtroppo l'INAIL dopo 10 settimane mi ha chiuso l'infortunio dicendo che comunque quello che ha la spalla non ha niente a che vedere con l'infortunio.
    Anche se la mia spalla aveva già dei problemi erano dei problemi che a me passavano innosservati, se non era per questa caduta la mia spalla era a posto.
    Con le terapie e il riposo sembrava che la situazione fosse migliorata, adesso In concomitanza al lavoro (dove sollevo e spingo pesi) ho rincominciato un altro ciclo di kinesiterapie ma purtroppo la situazione è al punto di partenza o forse peggio in quanto non solo come prima non riuscivo a fare dei movimenti oltre i 90° e non dormivo la notte in più ho anche la mano che si gonfia, il fisiatra mi ha detto che non stare a riposo e come se mettessi la benzina sul fuoco!
    Le mie domande sono: queste terapie sono corrette, serve un intervento, la mia spalla com'è messa? Mi può specificare cosa avevo di vecchio e cosa invece è secondario al trauma? Il riposo è utile?
    Grazie in anticipo della sua gentile risposta.

    La RM segnala quanto segue:
    Il tendine del sovraspinoso è marcatamente ispessito, ematoso e dismogeneo per tendinosi di grado elevato a cui si associa una piccola lesione parcellare nel suo tratto inserzionale.
    Si associano marcate alterazioni subcondrali similcistiche nel tronchite merale in prossimità dell'inserzione del tendine del sovraspinoso stesso e del tendine del capolungo del bicipite come da osteite rerefacente reattiva.
    Il tendine del sottoscapolare è ispessito per tendinopatia di grado lieve senza lesioni fibrillari.
    Conservato il piccolo rotondo e il sottospinoso.
    Abbondante versamento nella borsa subacromion-deltoidea che si estende anche al recesso articolare glenomerale.
    Il tendine del capolungo del bicipite è regolarmente inserito nella doccia omerale omonima e presenta modesto versamento peritendineo come da lieve tenosinovite.
    Modesta artrosi acromion claveare che determina una lieve compressione sulla giunzione mio tendinee del sovraspinoso.
    Parziale distacco del labbro glenoideo anteriore.
    Regolare l'articolazione glenomerale.

  • #47

    Antonio Siepi (giovedì, 27 settembre 2012 20:29)

    @carla:
    D'accordo, attendiamo l'esito della RM.
    Saluti

  • #48

    Antonio Siepi (giovedì, 27 settembre 2012)

    @Dina:
    Ma la RM quando è stata fatta?
    Perché se è stata fatta di recente, è normale che Lei abbia dolori e difficoltà a svolgere lavori pesanti con quadro clinico così marcato.
    Saluti

  • #49

    carla (sabato, 06 ottobre 2012 15:10)

    Buongiorno dott. Siepi Le scrivo il risultato della RM e attendo una sua risposta in merito a cosa secondo Lei dovrei fare, La ringrazio tantissimo.
    "Discreto versamento articolare scapolo-omerale e nella borsa sottodeltoidea. Tendine del sovraspinato con ampia soluzione di continuo a tutto spessore nel tratto intermedio-preinserzionale, di circa 15 mm. di diam. tipo rottura parziale perforante. Discretamente conservato il trofiscmo del corrispondente ventre muscolare. Tendine del sottospinato e sottoscapolare con modica disomogeneità de segnale da note degenerative, più evidenti per il sottoscapolare (non escludibile concomitanza a tale livello di minima rottura parziale di slaminamento).
    Tendine del capo lungo del bicipide in sede, ispessito anche a livello della guaina, alonato da fluido da note tenosinovituche.
    Conservati i rapporti articolari scapolo-omerali ed acromion-claveari con discrete alterazioni artrosiche." Dottore Le sarei molto grata se volesse rispondere, poichè non ho la minima idea di cosa dovrò fare e sono molto spaventata! Grazie Grazie mille Carla

  • #50

    Antonio Siepi (mercoledì, 10 ottobre 2012 11:03)

    @carla:
    Dalla RM risulta una lesione parziale al tendine del sovraspinoso causato dal trauma, con una degenerazione degli altri tendini della cuffia, legati all'età.
    In questi casi, si prova prima a fare della riabilitazione per il recupero funzionale della spalla e se non si ottengono risultati si procede con l'intervento chirurgico.
    Ma questo lo può decidere solo l'ortopedico, che dovrà valutare diverse variabili, tipo l'età, la clinica della spalla, le condizioni generali di salute, ecc.ecc.
    Per cui, senza paura, si affidi tranquillamente allo specialista per le cure adeguate al suo problema.
    Saluti.

  • #51

    carla (giovedì, 11 ottobre 2012 18:10)

    Buonasera dottore, grazie per aver risposto. Oggi sono stata visitata dall'ortopedico Dott. A.Carraro dell'Ulss 13 ospedale del Dolo-prov. di VE il quale ha detto che devo essere operata e che non si può fare l'operazione in artroscopia ma aprire la spalla, perchè la lacerazione del tendine è troppo profonda, perciò ha consigliato: ACROMION PLASTICA SEC NEER." questo però ha tempi lunghi, forse 3-4 mesi di attesa. Ora io chiedo a lei cosa posso fare nel frattempo per non danneggiare ancora di più il tendine e sopratutto per lenire un pò i dolori che ho ogni qualvolta faccio qualche movimento come alzare o spostare a destra il braccio. Il fisiatra che mi aveva visitata prima e che mi aveva fatto fare la RM mi aveva prescritto " 10 sedute di Laser Terapia" che purtroppo devo ancora fare perchè i tempi qui da noi sono tutti lunghi, devo farli ai primi di Novembre, ora volevo per cortesia un suo parere, devo farli? c'è qualche altra terapia che potrebbe aiutarmi? La ringrazio tantissimo e grazie anche per la sua risposta che mi ha tranquillizzato molto. Cordiali saluti Carla

  • #52

    Antonio Siepi (domenica, 14 ottobre 2012 10:48)

    @carla:
    Nell'attesa di fare la Laserterapia, potrebbe fare anche delle sedute di Tecarterapia, che hanno una forte azione antalgica e antinfiammatoria. Però questa terapia non viene praticata nelle strutture pubbliche ma solo nei centri privati di fisioterapia.
    Si dovrebbe informare nella sua zona, in quale centro viene eseguita.
    Le auguro una pronta ripresa.

  • #53

    carla (lunedì, 15 ottobre 2012 11:58)

    Buongiorno dott. Siepi grazie di aver risposto e infatti ho già prenotato 5 sedute di Tecarterapia al centro Antalgik di Mestre. Ora (e poi non la disturberò più) qualora si verificasse la rottura completa del tendine, magari per un movimento brusco o altro (io cercherò in questi mesi di attesa di tenere il braccio in riposo il più possibile) cosa mi succederebbe? sarebbe doloroso? dovrei correre al pronto soccorso, che altro potrei fare? Dottore la ringrazio moltissimo se volesse rispondere, una attesa così lunga non aiuta a stare tranquilla!! Buon lavoro e ancora grazie. Carla

  • #54

    Antonio Siepi (mercoledì, 17 ottobre 2012 19:30)

    @carla:
    Stia tranquilla. Se non compie movimenti bruschi o traumi, il tendine non si rompe. Fa bene a tenere il braccio a riposo e non sollevare cose pesanti.
    Se malauguratamente dovesse staccarsi, un po' di dolore lo sentirebbe, ma si rivolga dapprima al suo medico di famiglia per un primo consulto, e poi sentire l'ortopedico che l'ha visitata.
    Saluti.

  • #55

    sebastiano (sabato, 20 ottobre 2012 21:04)

    Buonasera Dott. Siepi sono un ex nuotatore agonista di 24 anni. Da alcuni mesi avverto fastidio alla spalla destra, ho fatto una RM, dalla quale risulta:
    alterazione del segnale a livello della capsula anteriore e del cercine glenoideo anteriore sia in sede sotto che sopraequatoriale da correlare con lesione.
    il tendine sottoscapolare a livello inserzionale mostra alterazione di segnale da lesione.
    Regolare il tendine del CLB.
    Conservato il tessuto adiposo subacrominale senza alterazioni della borsa subacromiondeltoidea.
    Non alterazioni di segnale a carico del tendine sottospinato e del sopraspinato.
    Mi sono rivolto ad uno specialista in ortopedia che ha diagnosticato una iniziale Slap Lesion e consigliato riposo (1 mese) e laserterapia nd-yag locale (15 sedute).
    Una volta terminate le sedute dopo un ulteriore periodo di riposo, ho iniziato un graduale recupero facendo specifici esercizi per la cuffia e qualche nuotata molto soft. Ma la spalla durante il nuoto fa clock e dopo un po comincia a bruciare leggermente?? Cosa ne pensa Dottore della mia situazione? E' necessario un intervento? Io non intendo tornare a livelli da agonista però voglio poter nuotare in tranquillità senza la paura di provocare ulteriori danni.
    La ringrazio per i suoi preziosi consigli.
    Cordiali saluti e buon lavoro

  • #56

    Antonio Siepi (venerdì, 26 ottobre 2012 08:43)

    @sebastiano:
    Lasciamo l'intervento come ultima ipotesi, se necessario, e continui con la rieducazione per la cuffia e i fissatori della scapola ancora per 4/8 settimane.
    Quando sentirà la spalla stabile, e senza dolore sui movimenti, potrà riprovare a nuotare in maniera blanda valutando se ci sono stati risultati o dovrà ritornare dall'ortopedico per ulteriori controlli.
    Auguri.

  • #57

    sebastiano (venerdì, 26 ottobre 2012 10:48)

    Dottore la ringrazio per la risposta, seguirò il suo consiglio.
    cordiali saluti

  • #58

    carla (domenica, 04 novembre 2012 13:41)

    Buongiorno dottore mi rivolgo ancora alla sua esperienza perchè quello che lei mi ha consigliato dopo aver letto la mia RM, è quello che mi ha consigliato la dottoressa specialista della spalla alla quale mi sono rivolta poichè il consiglio di operare subito e a cielo aperto che mi era stato dato dal primo ortopedico interpellato, mi aveva impaurito!! La dottoressa mi ha detto che l'operazione alla spalla deve essere sempre (data anche la mia eta' 70 anni) l'ultima spiaggia! Mi ha prescritto 10 sedute di laser terapia, e 10 sedute di ginnastica passiva per tornare a muovere i muscoli della spalla che in questi 6 mesi io non li avevo più messi in opera per il terrore di rompere completamente il tendine. Ora sono solo alla quarta seduta di movimentazione della spalla e già riesco ad alzare il braccio, e a pettinarmi cosa che non facevo più. Lo specialista che mi segue nella movimentazione mi ha assicurato che il tendine se non ha un grosso trauma non si rompe anche se e a metà cammino (15 mm di diam) io mi sento rassicurata e ho piena fiducia in loro! Volevo dott. Siepi un suo parere in merito, Lei pensa che posso farcela anche senza l'operazione? secondo Lei è sufficiente questi 2 trattamenti, mi assicura anche Lei che il tendine non si romperà se sarò attenta a non sollevare persi o a traumi forti? Grazie Dottore i suoi consigli sono molto importanti per me!
    Cordiali saluti e ancora grazie
    Carla

  • #59

    Antonio Siepi (venerdì, 09 novembre 2012 19:01)

    Non posso che essere d'accordo sul trattamento che Le hanno proposto. Sta già vedendo i primi benefici, per cui non perda la fiducia e vada avanti. Alla fine si valuteranno i risultati raggiunti e si deciderà se intervenire o meno.
    Non so se saranno sufficienti queste 10 sedute o ne dovrà fare altre, l'importante e recuperare la funzionalità della spalla, che Le permetta di svolgere le normali attività di vita quotidiana senza dolori e senza particolari limitazioni.
    Stia tranquilla che il tendine non si rompe, se non ci sono grossi traumi o sforzi notevoli.
    Auguri.

  • #60

    carla (domenica, 11 novembre 2012 20:19)

    Grazie, grazie Dott. Siepi! Infatti sto recuperando la funzionalità del braccio abbastanza bene, ho ancora un pò di dolore che spero si attenuerà con il tempo e con altre terapie. La ringrazio ancora della sua disponibilità e cordialmente la saluto. Carla

  • #61

    Paolo (sabato, 19 gennaio 2013 15:29)

    Gentile dott. Siepi, dopo RMN la diagnosi è: instabilità anteriore in lesione di Bankart + rottura del sovraspinoso spalla dx. Si consiglia ricovero per artroscopia chirurgica. Sono un insegnante. Per problemi di sostituzione, potrebbe dirmi quando potrò tornare a scuola dopo l'operazione? Per me l'importante è poter scrivere (anche alla lavagna) e poter guidare. Grazie Cordiali saluti

  • #62

    Paolo (lunedì, 21 gennaio 2013 20:40)

    P.S. mi sono dimenticato di scrivere la mia età che, forse, è fondamentale per stabilire i tempi di recupero: 50 anni

  • #63

    Antonio Siepi (martedì, 22 gennaio 2013 13:23)

    @Paolo:
    I tempi minimi di ripresa, dopo un intervento come il suo, sono di 8 settimane.
    Poi, durante la riabilitazione e ai successivi controlli, lo specialista Le darà i tempi esatti per la ripresa del lavoro.
    Saluti.

  • #64

    Paolo (martedì, 22 gennaio 2013 23:42)

    Grazie mille per l'informazione. Cordiali saluti

  • #65

    carla (mercoledì, 23 gennaio 2013 19:36)

    Buonasera dott. Siepi, l'ultimo contatto che ho avuto con Lei è stato a novembre ed ero molto contenta perchè avevo ricominciato a muovere la spalla anche se con qualche limitazione,(ero caduta e avevo rotto il tendine di 15 mm la mia prima e-mail era il n.42 l'ultima il n. 60) però ora a distanza di tre mesi, la spalla la muovo abbastanza, ma i dolori purtroppo sono rimasti! ora Le chiedo in tutta franchezza, se opero questa spalla, riuscirò ad avere meno dolori? anche se non recupererò completamente la funzionalità, ma i dolori che mi accompagnano quotidianamente (anche se sono sopportabili) potranno sparire (o quasi). L'operazione che mi era stata indicata era "artroscopia spalla dx (DEBRIDEMENT + TENOTOMIA CLB SPALLA DX) Dottore cosa mi consiglia? se faccio questa operazione riuscirò a non avere continuamente e dolori che mia accompagnano ora in quasi tutti i movimenti?? La ringrazio tantissimo se volesse darmi una risposta in merito. Cordiali saluti Carla

  • #66

    Antonio Siepi (lunedì, 28 gennaio 2013 15:17)

    @carla:
    Mi è difficile rispondere alla sua domanda, poiché non conosco la condizione clinica della spalla.
    Però se Lei mi dice che la spalla la muove abbastanza bene, anche con dolore, sono molto titubante sull'esito dell'intervento.
    Le suggerisco di approfondire l'argomento con l'ortopedico che le ha proposto l'operazione.
    Saluti.

  • #67

    alessandro (sabato, 31 maggio 2014 00:55)

    Buonasera dott Siepi. sono Alessandro sono un vigile del fuoco e circa sei mesi fa ho subito un forte urto alla spalla dx durante un 'intervento in fiume da quel giorno la spalla ha cominciato a duolermi fino ad arrivare allo stato attuale in cui il dolore non mi permette di dormire e di fare la mia attività sportiva.
    Ho aseguito una ecografia che non ha rilevatoversamento articolare,ment6re la cuffia dei rotatori presenta aree disomogenee degenerative con esiti calcifici e assottigliamento del sovraspinato,nella norma i muscoli del cingolo scapolo omerale.
    La mi domanda è la seguente ...quanto è grave e come posso curarla con esiti positivi vista la mia professione..cordiali saluti alessandro mazzardi.

  • #68

    Michele (sabato, 14 giugno 2014 23:50)

    Buonasera dottor Siepi in data 27/04/2014 durante una caduta da una bici mi è stata diagnosticata una lussazione della clavicola , portato un tutore x 20 giorni ma alla visita di controllo mi è stato detto che ci sarebbe voluto un intervento chirurgico per l'inserimento di una placca a uncino, intervento eseguito il22/05/2014 con diagnosi di lussazione di 4 grado.vorrei chiederli : è normale che dopo 24 gg abbia ancora dolori e bucature anche lungo il braccio ?, il 20 del corrente mese avrò l'ultimo controllo e dopo inizierò la riabilitazione,potrò eseguirla anche avvertendo questi dolori ?.in ultimo vorrei chiederli un parere personale su questa tecnica per la riduzione. Della lussazione mediante placca. Distinti saluti

  • #69

    Antonio Siepi (martedì, 17 giugno 2014 10:50)

    @alessandro:
    Penso che non sia nulla di grave, ma solo una brutta contusione che ha provocato uno spasmo della cuffia dei rotatori, con conseguente dolore e perdita funzionale.
    In questo caso è utile fare delle sedute di Tecarterapia associata a della terapia manuale per rilassare le strutture in tensione.
    Auguri.

  • #70

    Antonio Siepi (martedì, 17 giugno 2014 11:03)

    @Michele:
    Dopo una lussazione di clavicola, ridotta chirurgicamente, è normale avere dolori o formicolio al braccio, poiché sotto la clavicola passa il plesso brachiale che innerva l'arto superiore e quindi c'è anche un suo coinvolgimento.
    La riabilitazione potrà farla ugualmente, in maniera cauta. L'inserimento della placca è la tecnica più idonea per ridurre una lussazione o frattura della clavicola.
    Saluti.

  • #71

    Marco (giovedì, 24 luglio 2014 13:28)

    Salve dottore sono il numero 71, gli vorrei chiedere un suo parere. Sono 5 mesi che ho avuto un infortunio sul lavoro con caduta da un passo d'uomo della nave. Ho avuto problemi al gomito sx e alla spalla dx, con i seguenti referti : al gomito e' stato riscontrato modesti segni di epicondilite, dopo aver avuto uno stiramento e versamento di 30 mm.) Per la spalla dx (ecografia muscolo tendinea ha evidenziato ispessimento del tendine del capo lungo del muscolo bicipite brachiale con versamento minimo in guaina.borsa mucosa subacromiale ectasica con contenuto non corpuscolato.ispessimento dei tessuti molli periarticolari dell'articolazione acromioclaveare che appare anche diastasata. Edema dei fasci intermedi della porzione caudale del ventre mediale del muscolo bicipite brachiale,estensione di 30 mm cc,da riferirsi a stiramento delle fibre. Alla spalla la rm dice: Modesta flogosi inserzionale dei tendini della cuffia dei rotatori a livello della inserzione sul trochite omerale.Si associa modesta distensione flogistica della borsa mucosa sottocoracoidea.Minima raccolta liquida lungo la guaina del tendine del capolungo del bicipite brachiale. Assenza di alterazioni strutturali ossee. Cercine glenoideo regolare. La rm e' stata fatta fare 90 giorni dopo l' infortunio , domani la ripeto con mezzo di contrasto perché il mio ortopedico presume una " slap lesion" ... Nel ringraziarla vorrei sapere cosa ne pensa.
    Grazie dottore e scusi per le troppe righe ma dovevo fargli sapere tutto!!!

  • #72

    Marco (giovedì, 24 luglio 2014 13:39)

    Dottore sono sempre il numero 71, mi sono scordato che ad oggi ho effettuato 20 sedute di ultrasuoni ( con nessun miglioramento) , 15 sedute di laser yag e 15 di tecaterapia, oltre a ginnastica per spalla. Avverto ancora dolore alla spalla che va' dal bicipite lungo brachiale passa dal sovraspinato e termina dietro la scapola. Con la teca ho eliminato il fastidio che arrivava al collo che non giravo più bene. Vorrei più che altro un parere se è guaribile senza ricorrere a un presunto intervento chirurgico come mi è stato messo in considerazione da altri ortopedici.
    La artro rm con contrasto, fa' male l 'iniezione ... Grazie ancora dottore

  • #73

    roberta (mercoledì, 30 luglio 2014 09:21)

    mia madre deve farsi operare alla spalla per lesione tendine e pulizia cuffia per calcificazione mi sa consigliare un centro per la riabilitazione a Modena?
    grazie

  • #74

    RobyMarco (sabato, 27 settembre 2014 20:26)

    Buonasera dottore,
    mio marito è stato operato 2 giorni fa per riparazione di rottura parziale del tendine sovraspinato, reinserzione del cercine glenoideo anteriore (era rotto) e acromionplastica per in sondrome da conflitto più bursectomia.
    Ora, l'intervento doeveva essere una semlice riparazione del tendine, mentre hanno visto che c erano questi altri problemi (l'ortopdico ha definito la spallla come moltro strana e storta) come per esempio il tendine, che l'ortopedico ha definito rovinato in più punti. Ha detto che se fosse stato anziano o se avesse svolto lavori pesanti lo avrebbe tolto del tutto. Ci ha parlato di 4-6 mesi senza sforzi e 8 senza sport.

    Ora, lui come lavoro fa l'impiegato, usa molto il pc e già prima dell'intervento aveva dolore a scrivere molto a pc (che poi è forse la cosa che ha rovinato il tendine negli anni, prima del colpo definitivo dato da una caduta sulla spalla durante una partita di beach volley). secndo lei che tempistiche ci sono per poter tornare a lavoro? (considerando che per arrivarci deve guidare per 1 ora e mezza andare ed altrettanto a tornare )?

    il medico mentre operava (c'era presente una mia collega, in quanto io sono infermiera) ha detto che ha riparato come poteva e che spera che recuperi... c'è davvero rischio che non recuperi?
    Glielo chiedo perchè ha 35 anni e abbiamo 2 bambine piccole..

    ora ha il tutore, da tenere x 3 settimane, poi dovrà iniziare la fisioterapia prima passiva poi attiva...

  • #75

    Antonio Siepi (giovedì, 02 ottobre 2014 12:54)

    @RobyMarco:
    Bisogna attendere almeno 6-8 settimane, dall'inizio della riabilitazione, per valutare lo stato dell spalla. Se non ha molti dolori, con una mobilità che gli permette di guidare, allora potrà riprendere a farlo.
    Il rischio che suo marito non recuperi la funzionalità della spalla, è molto basso visto la sua giovane età. Comunque dovrò essere seguito, per almeno 8 mesi tra riabilitazione e palestra fino al massimo recupero possibile.
    Saluti.

  • #76

    Luca82 (venerdì, 07 novembre 2014 19:17)

    Gentilissimo dottore le espongo il mio problema:premetto che vado in palestra da circa 8 anni e faccio body building.Questa estate per giocare sulla spiaggia mi sn messo a fare dei piegamenti con la mia ragazza poggiata sulle spalle,ad un certo punto ho sentito un dolore nella parte anteriore dellaspalla dx. Pensavo non fosse nulla.. Ma il dolore era persistente soprattutto quando cercavo di sollevare il braccio da disteso al di là della testa o quando lo alzavo lateralmente ruotando il palmo verso l'alto. Ho continuato ad allenarmi fino a settembre poi visto che il dolore non spariva ho fatto una rmn il cui referto dice:modesta alterazione del segnale del tendine sovraspinoso nel tratto pre inserzionale come per iniziali alterazioni tendinosiche.Non si evidenziano significative alterazioni dell'intensità del segnale della cortico spongiosa ossea.non si evidenziano definite alterazioni del tendine infraspinato,del sottoscapolare, del capo lungo del bicipite omerale e dei cercini glenoidei.Sono stato dall'ortopedico e invece mi ha detto che probabilmente è un'infiammzione del capo lungo.Ho fatto 10 sedute di tecar terapia ma non ho visti grandi risultati.le dico che in palestra riesco a fare i bicipiti,i tricipiti e alcuni es x il dorso mentre es di spinta tipo panca piana per il petto o lento avanti per le spalle nn riesco.Come devo comportarmi?posso continuare ad allenare un po' in questo modo?la ringrazio anticipatamente!

  • #77

    massimiliano (mercoledì, 19 novembre 2014 20:02)

    Buonasera Dottore Antonio Siepi mi scusi il disturbo sono Massimiliano Gallieco ed ho fatto un ecografia alla spalla xke non riuscivo a dare forza al braccio e il risultato dell'ecografia e il cio:Referto ecografia spalla dx: l'indagine ecotomografica della spalla dx ha rilevare un modesto assottigliamento della porzione esterna della cuffia dei rotatori, che appare disomogenea e diffusamente ipoecogena per segni di tendinopatia. Normale l'inserzione del lungo del bicipite. Immagine di modesta raccolta fluida si reperta a livello del tricipite brachiale con sospetta minima lacerazione di fibre muscolari Il mio medico di base mi ha caricato di antiinfiammatori ad essere sincero sono molto preoccupato, ed è da 10gg giorni che faccio punture e il dolore rimane tale e quale, nell'attesa di una sua cordiale risposta
    la ringrazio anticipatamente e gli auguro un buon proseguimento di serata
    e buon lavoro distinti saluti Massimiliano