sito web

Per essere sempre aggiornato sulle nuove attività, iscriviti alla nostra Newsletter.

Pubblicità

Linee guida per chiedere un consulto.pdf
Documento Adobe Acrobat 30.7 KB
Linee guida web 2.0.pdf
Documento Adobe Acrobat 36.2 KB
Top 10 Netiquette.pdf
Documento Adobe Acrobat 50.0 KB

Sito Creato Marzo 2009

Ultimo Aggiornamento

09 Febbrario 2014

PRESSOTERAPIA

Che cosa è la pressoterapia

La pressoterapia rappresenta un valido metodo di cura in grado di favorire una corretta circolazione venosa. diminuendo la tensione muscolare causata da stress o da dolori cronici e acuti; grazie alla sua azione di pompa, favorisce infatti il ritorno venoso, aumentando l'irrorazione dei tessuti ed il loro conseguente corretto rinnovamento fisiologico.

La pressoterapia è in grado di risolvere dunque il problema del sangue che potrebbe ristagnare in vasi sanguigni danneggiati o comunque in zone del corpo non correttamente irrorate.

La compressione esterna permette inoltre ai fluidi interstiziali in eccesso di ritornare più facilmente nel sistema circolatorio, in modo da potere essere correttamente e rapidamente eliminati.

Le applicazioni più comuni per la pressoterapia si hanno per:

  • Aumenta l'azione di massaggio del corpo;
  • Facilita il flusso sanguigno grazie ad una pressione lenta e progressiva;
  • Drenaggio linfatico;
  • Apportare un immediato sollievo e sensazione di benessere agli arti inferiori;
  • Evitare il ristagno di sostanze nei tessuti delle zone periferiche;
  • Evitare scompensi sanguigni dovuti ad inadeguato effetto pompa;
  • Perdita di tono muscolare in pazienti immobilizzati o disabili. La pressoterapia sostituisce il massaggio manuale per le finalità trofiche. 

Come funziona

La pressoterapia la cui efficacia è stata ampiamente riconosciuta dalla comunità scientifica, è un trattamento che, con le opportune indicazioni, non fa male e che consiste nell’esercitare una pressione esterna sulle zone del corpo da trattare (generalmente addome e arti inferiori) attraverso un apposito apparecchio.

Quest’ultimo, lo ricordiamo, consente di gonfiare in maniera intermittente e sequenziale i cosiddetti applicatori, ovvero dei  gambali che fasciano le parti interessate dal trattamento.

Questo massaggio meccanico è in grado, in breve tempo, di riattivare e di rendere più performanti la circolazione linfatica e venosa. Va detto, inoltre, che l’intensità della pressione può essere regolata in base alle esigenze del momento al fine di rendere più efficace il massaggio effettuato dal macchinario.

Al paziente che si sottopone a pressoterapia non è richiesta una preparazione particolare

Indicazioni

La pressoterapia è indicata per le seguenti patologie:

Linfedema

Recupero del tono muscolare

in pazienti immobilizzati (in sostituzione del massaggio)

Sindrome post flebitica
 Stasi venosa Compressione passiva in patologie venose  Lipoedema
Ematoma

Trattamento di ematomi in seguito ad interventi 

chirurgici

Insufficienza venosa
Trattamento anticellulite in stadio iniziale Profilassi post-operatoria in interventi di trombosa venosa Prevenzione della TVP
Drenaggio del braccio post-mastectomia Paralisi degli arti Sindrome post-trombotica
Gambe pesanti Recupero muscolare post-affaticamento (negli sportivi) Edemi venosi cronici diffusi

Controindicazioni

La pressoterapia non causa particolari effetti collaterali, tuttavia, vi sono controindicazioni per alcune categorie di persone:

    

 

  • coloro che che soffrono di insufficienza arteriosa o cardiaca
  • coloro che sono affetti da malattia varicosa
  • donne in gravidanza
  • coloro che sono affetti da neoplasie  nella zona scelta per il trattamento
  • coloro che sono affetti da trombosi venosa profonda
  • presenza di infezioni o dermatiti nella zona da trattare

Trattamenti

Ogni trattamento dura  30 minuti e già dalla prima seduta si ottiene una sensazione di leggerezza della zona interessata, ma per ottenere il massimo dei benefici della pressoterapia e consigliabile un ciclo completo composto da 10-12 sedute da 1 a 3 volte alla settimana a seconda delle esigenze specifiche del paziente.